Lavori in vista per la rete elettrica della Valle del Savio

Lavori in vista per la rete elettrica della Valle del Savio, dove numerose imprese, nei mesi scorsi, si erano lamentate dell’impossibilità di poter allacciare alla rete in tempi brevi i propri impianti fotovoltaici.

A comunicarlo è l’Assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli, in risposta ad una interrogazione del Consigliere regionale Damiano Zoffoli: “Le progettazioni necessarie a realizzare i lavori di modifica impiantistica, di competenza di Enel distribuzione, sono già stati avviati – scrive Muzzarelli nella sua nota – tanto nella cabina primaria di Quarto di Sarsina quanto nelle nuove linee a media tensione in uscita da essa”.

Nella sua interrogazione alla Giunta, presentata ad inizio dicembre, Zoffoli aveva raccolto le preoccupazioni di associazioni di categoria e Comuni della Valle del Savio, chiedendo un potenziamento del trasformatore di Quarto: “Un intervento urgente – aveva scritto il Consigliere – per fare nascere, in un contesto economico vivace come quello della collina cesenate, una vera green economy”.

Nel corso del 2010 Enel ha effettuato quasi 9500 allacci fotovoltaici in Regione, 957 dei quali in Provincia di Forlì-Cesena. Mentre dalla collina cesenate sono giunte richieste per ben 65,5 MW in immissione sulla rete elettrica. Numeri che, in assenza di interventi, rischiano di portare alla saturazione alcuni tratti di rete elettrica.

Enel e Terna però, sollecitati dalla Regione pur non avendo competenze dirette in materia, si sono attivati e dovrebbero riuscire a completare i lavori di potenziamento prima che la rete arrivi alla saturazione.

“Per potenziare i due trasformatori da 16 MVA attualmente presenti a Quarto di Sarsina – conclude Muzzarelli nella sua risposta a Zoffoli – bisognerà ora attendere la realizzazione di alcuni impianti della rete di trasmissione nazionale, i cui lavori partiranno non appena i produttori di energia avranno accettato i preventivi”.

È possibile scaricare il testo della RISPOSTA all’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.