Nuovo patto di stabilità territoriale regionale

Vogliamo accrescere il livello di efficienza dell’utilizzo delle risorse per valorizzare la specificità dei territori e sostenere la nostra economia.

Il nuovo patto di stabilità territoriale della Regione Emilia-Romagna punta a salvaguardare la qualità dei servizi pubblici, permettendo a Regione ed Enti locali di realizzare un programma di investimenti strategici adeguato e di poter disporre della flessibilità necessaria grazie ad un programma con obiettivi definiti annualmente rispetto alle esigenze e alle emergenze individuate.

“Il rispetto del patto di stabilità – spiegano i Consiglieri regionali Tiziano Alessandrini, Thomas Casadei e Damiano Zoffoli – sarà garantito unitariamente a livello regionale adattandolo alle esigenze territoriali e di programmazione mentre, nei confronti dello Stato, la Regione si porrà quale unico interlocutore istituzionale per tutto il territorio e unico responsabile della corretta applicazione delle regole”.

La Legge prevede un nuovo sistema di governo della finanza pubblica territoriale, condiviso con le autonomie locali, per riequilibrare il livello di indebitamento per tutti gli Enti locali e definire gli interventi prioritari.

“Viene delineato un nuovo sistema di relazioni tra Regione ed Enti locali – proseguono i Consiglieri – con la previsione di un unico obiettivo territoriale, di misure di controllo dell’indebitamento e di rilancio degli investimenti estese anche ai Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti. L’operazione mette a sistema i 189 Comuni, le 9 province e la Regione con un obiettivo unico territoriale stimabile, per il 2011, in 2.247 milioni di euro”.

Negli ultimi due anni la Regione ha messo a disposizione di Comuni e Province parte della propria potenzialità di spesa:
70 milioni di euro per il 2009;
92 milioni di euro per il 2010, di cui oltre il 50% è stato immesso nel tessuto economico sotto forma di avvenuti pagamenti per opere come la viabilità, il contrasto al dissesto idrogeologico, l’arredo e la riqualificazione urbana, l’edilizia pubblica, la realizzazione di scuole, parchi, cimiteri, ecc.

La Provincia di Forlì-Cesena – concludono Alessandrini, Casadei e Zoffoli – ha potuto beneficiare di oltre 5,8 milioni di euro. Risorse importanti per il nostro territorio, che hanno consentito di realizzare lavori pubblici di manutenzione e arredo urbano e interventi di messa in sicurezza del territorio e asfaltatura strade a Gatteo, Longiano, Meldola e San Mauro Pascoli”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.