Patto di stabilità territoriale: così la Regione dice basta agli scippi di Tremonti

Il patto di stabilità, nato nel 1999 per garantire il contenimento della spesa pubblica nell’ottica dei parametri di Maastricht, ha visto cambiare la sua applicazione nel corso degli anni, con il cambiamento dei governi.

La versione che Tremonti applica è la più restrittiva per gli Enti locali: il governo ha infatti scaricato tutti i vincoli più odiosi e restrittivi su Regioni, Comuni e Province. E questo nonostante il 93% del debito pubblico sia prodotto dallo Stato centrale e solo il 7% dagli Enti locali.

Nella pratica, questo vuol dire che i nostri Comuni e le nostre Province, pur avendo i soldi in cassa, non possono pagare i fornitori. Nel caso della Provincia di Forlì-Cesena si tratta, complessivamente, solo nel 2009, di ben 11 milioni di euro. Con le conseguenze che ormai tutti abbiamo, purtroppo, imparato a conoscere: aziende che rischiano l’insolvenza e che sono costrette a ricorrere ad un sistema creditizio che raramente è amico delle imprese e del lavoro.

In questi ultimi due anni la Regione Emilia-Romagna ha dato ossigeno agli enti locali stornando parte della propria potenzialità di spesa (70 milioni di euro nel 2009, 92 milioni di euro nel 2010) a Comuni e Province.

Ma non bastava ancora e così, alla fine dell’anno scorso, abbiamo approvato una nuova legge sul patto di stabilità territoriale.

È una norma che vive all’interno delle leggi dello Stato italiano volute da questo governo e che si ispira alla lettera allo spirito della legge 42, quella sul cosiddetto federalismo. Cosa dice la nuova legge? La Regione sarà l’interlocutore unico verso il Ministero dell’Economia per la gestione del patto.

Questo, tanto per fare un esempio, potrà far sì che il governo Berlusconi non possa più avocare a sé, togliendola ai territori emiliano-romagnoli, quella parte di potenzialità di spesa che ogni Comune non ha usato per i motivi più disparati (primo fra tutti la volontà di rispettare le regole; in quanto oggi, se si sfora il patto, arrivano sanzioni dure). La somma di queste “economie”, nel 2009, è stata di 204 milioni di euro. A norma di legge nazionale questa potenzialità di spesa è tornata a Tremonti.

Con la nuova legge dell’Emilia-Romagna questo non capiterà più: Comuni, Province e Regione decideranno come usare questo surplus per procedere a pagamenti e sostenere investimenti. Ovvero per liberare le risorse a favore dei nostri territori, delle imprese, per il lavoro.

È una svolta importante. Ma siamo sicuri che il governo sia così felice di lasciare tante risorse sul territorio emiliano-romagnolo? Temo di no. Occorre vigilare perché il buon lavoro della nostra Regione non venga vanificato dall’attività del governo Berlusconi che pratica il federalismo delle chiacchiere.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.