Il Protocollo di Forlì è tutt’ora operativo

A Forlì, dal febbraio 2007, è operativo un Protocollo d’intesa tra Comune, Ausl e associazioni di volontariato, che ha ridotto il ricorso all’aborto dell’8%. Su 749 donne che si sono presentate al consultorio per l’IVG, 59 hanno infatti accettato di portare a termine la gravidanza (dati al 30 novembre 2010).

L’obiettivo condiviso dai firmatari del Protocollo è quello di sostenere la maternità, nel rispetto della libertà della donna e del suo diritto ad una procreazione cosciente e responsabile.

Qual è il punto qualificante del Protocollo? L’impostazione del rapporto con la donna non è basato sulla certificazione passiva della richiesta di IVG, ma su un percorso di integrazione “socio-sanitaria” che prevede che le donne che contattano il consultorio pubblico abbiano un primo colloquio con un’assistente sociale per approfondire – in un clima di fiducia, libertà e riservatezza – le cause che le inducono a chiedere l’aborto ed eventualmente ricevere una serie di aiuti e sostegni, pubblici e privati, al fine di rimuoverle, come del resto prevede l’articolo 5 della Legge 194.

È un Protocollo che, contrariamente a quanto sostiene il Consigliere Bartolini, la Regione non ha assolutamente bocciato ma ha condiviso, assumendone i punti fondamentali nelle Linee guida approvate ad ottobre 2008.

In tal senso ricordo che, qualche mese prima, l’Assessore regionale alla Sanità aveva risposto ad una mia interrogazione scrivendo che “l’esperienza di Forlì rappresenta un ottimo esempio d’integrazione tra servizi. Per mantenere e migliorare i risultati raggiunti, si conviene sull’opportunità di promuovere e consolidare le prassi attuate estendendole all’intera Regione”.

Il Consigliere Bartolini è evidentemente disinformato: ne parla al passato, mentre il Protocollo di Forlì è vivo e vegeto e i risultati, come scritto sopra, sono sotto gli occhi di tutti. Basta, del resto, parlare con le associazioni che lo hanno sottoscritto e che quotidianamente collaborano con l’Ausl e con i servizi sociali del Comune.

Il nostro compito, semmai, è di promuovere, in maniera più incisiva, ed estendere questa buona pratica a tutta l’Emilia-Romagna, coerentemente con le Linee guida e con il Piano Socio-Sanitario regionale che punta decisamente sull’integrazione dei servizi, per un nuovo welfare che metta al centro la persona e chiami all’impegno nuovi soggetti e protagonisti, per dare risposte ai tanti bisogni sociali emergenti.

Non si fa mai abbastanza per garantire quello che è il primo dei diritti, il diritto alla vita.

Damiano Zoffoli

 

È possibile scaricare il testo integrale del PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL MIGLIORAMENTO DEL PERCORSO IVG cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.