Così funziona il modello forlivese di aiuto alle donne

il Resto del Carlino Forlì – giovedì 24 febbraio 2011.

La Consulta comunale delle associazioni familiari di Forlì, firmataria insieme al Comune e all’Azienda USL delProtocollo operativo per il miglioramento del percorso IVG (interruzione volontaria di gravidanza)” ritiene doveroso precisare il reale funzionamento del cosiddetto “Modello Forlì”, che è stato citato in maniera inesatta da Luca Bartolini, Consigliere regionale del Popolo della Libertà, nel presentare il progetto di legge regionale sui consultori.

In dettaglio:

1) Il Protocollo di Forlì, attivo dal febbraio 2007, prevede che, alle donne che contattano il Consultorio pubblico per richiedere l’IVG, venga proposto un colloquio con un’assistente sociale del Comune (non con “operatori di associazioni pro-life”), per approfondire, in un clima di serenità e libertà, i problemi e le cause che la inducono a chiedere l’aborto e proporle una serie di aiuti e sostegni, pubblici e privati, al fine di rimuoverle. Le associazioni di volontariato che hanno aderito al Protocollo, ossia quasi tutte le più importanti realtà che operano nel territorio forlivese per la difesa della vita ed il sostegno alle madri ed ai bambini, collaborano strettamente con le assistenti sociali per accogliere ed aiutare le donne che, dopo il colloquio, scelgono di proseguire la gravidanza.

2) Le donne che dal febbraio 2007 ad oggi hanno rinunciato all’aborto sono una settantina, pari a circa il 10% del totale degli accessi al Consultorio.

3) La Regione ha apprezzato il Protocollo di Forlì, assumendone i punti principali nelle Linee Guida regionali sulla L. 194 approvate nel 2009.

4) Il Protocollo di Forlì è condiviso e sostenuto dall’Amministrazione comunale e dall’Amministrazione dell’AUSL.

5) Precisiamo infine che la media italiana dei certificati rilasciati nei consultori in Italia è bassa perché, diversamente da quanto accade in Emilia-Romagna, nella maggior parte delle Regioni le donne vanno per lo più dal medico privato e non nei consultori, e questo non è affatto un dato positivo.

Il Coordinatore della Consulta delle famiglie di Forlì, Paolo Bergonzoni

È possibile scaricare il testo integrale dell’ARTICOLO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Così funziona il modello forlivese di aiuto alle donne

  • bruno

    Il Centro di aiuto alla vita ha aderito o è stato escluso?

  • Sì, il Centro di Aiuto alla Vita ha aderito.
    In un post precedente del mio sito, dal titolo “Il Protocollo di Forlì è tutt’ora operativo“, è possibile scaricare il testo integrale del PROTOCOLLO (dove si può trovare l’elenco di tutti i soggetti che hanno aderito e le modalità operative di applicazione dello stesso).
    Damiano Zoffoli