Cattolici in politica – Una proposta: da un’agenda a un laboratorio

Caro Francesco,

ho seguito con interesse l’ampio dibattito che si è sviluppato nelle ultime settimane sull’impegno dei cattolici in politica, nell’attuale fase di crisi etica, economica e sociale, che attraversa il nostro Paese e che, per dirla con il Cardinale Angelo Bagnasco, genera “sconcerto” e “acuta pena”.

Concordo con le riflessioni dell’amico Arturo Alberti sull’urgente necessità di trovare luoghi e modi per esercitare un comune e fecondo discernimento: “vedere giudicare agire” alla luce della Dottrina Sociale della Chiesa.

Un impegno che richiede ai cattolici, non solo di essere traversali e uniti sui principi non negoziabili, ma anche di fare scelte precise e concrete per il bene dell’Italia. Rispetto alla scorciatoia di una politica della testimonianza, penso sia nostro dovere realizzare una difficile e paziente testimonianza nella politica.

È necessario, a mio avviso, partire da una lettura, coraggiosa e libera da ogni pregiudizio ideologico, di quanto sta accadendo in Italia, per evitare che la proclamazione di valori e tradizioni che spesso vengono qualificati con l’impegnativo aggettivo di cristiani, sia accompagnata da una serie di comportamenti pratici in nome dell’assoluta intangibilità della sfera privata e della libertà, altrettanto assoluta, di scelta dell’individuo.

Come non citare, ad esempio, la proposta iperliberista, rilanciata questi giorni, di modifica dell’articolo 41 della nostra Costituzione, sull’iniziativa economica che sancisce, di fatto, il divorzio fra promozione/coesione sociale e sviluppo economico.

Mi verrebbe da dire, col collega dottor Alberti, che è come prescrivere, ad un ammalato di diabete, ulteriori e massicce dosi di zucchero.

A mio avviso, infatti, la vera discriminante, in questa fase costituente del Paese, delle culture e dei partiti, e che è trasversale ai partiti stessi, è tra una concezione della società basata sull’individuo, e una basata sulla persona e sulla comunità.

È un discrimine su cui costruire un senso comune, non solo fra cattolici, ma fra tutte le persone di buona volontà.

Dobbiamo e vogliamo ripartire da una visione positiva, che veda le persone, le famiglie e le comunità alleate nella ricerca del bene comune. Un nuovo welfare comunitario, in uno scenario di risorse decrescenti e di squilibrio demografico, che dovrà mettere in circolo tutte le risorse nascoste e le buone pratiche già in atto.

Tale approccio, pragmatico e non ideologico, ci spinge a ripensare l’intera società nel nome della sussidiarietà, anche alla luce di un federalismo che vogliamo solidale e fondato su una maggiore responsabilità dei cittadini.

È inoltre indispensabile, come sostiene Alberti, rilanciare sull’educazione alla socialità. Ai fedeli laici non mancano i documenti dell’Alto Magistero, ma è compito dei nostri sacerdoti, nella quotidianità della vita della Chiesa (nelle omelie domenicali, come nei momenti di catechesi ordinaria dei giovani e degli adulti), dare maggior spazio alla riflessione sui problemi della società e sulla necessita di un’attiva partecipazione alla vita pubblica.

Non può essere, anche questa, una delle ragioni della crisi di vocazioni all’impegno politico?

Se la politica è una vocazione, la forma più alta di carità (Paolo VI), è necessario che “generazioni nuove e giovani si preparino con una vita spirituale forte e una prassi coerente” all’impegno politico (Bagnasco a Reggio Calabria).

Per dirla con Sturzo, è il momento di un nuovo “appello ai liberi e forti”.

In conclusione, la mia proposta è di dar corso, anche nella nostra Diocesi, all’invito forte e chiaro che ci arriva dalla Settimana Sociale dei Cattolici: “passare dall’agenda di speranza al laboratorio Italia”. A Cesena-Sarsina, quando partiamo?

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Cattolici in politica – Una proposta: da un’agenda a un laboratorio

  • E allora caro Zoffoli,

    che ne dice di cominciare Lei stesso insieme ai suoi colleghi dirigenti e politici che amministrano,
    a seguire questa strada di virtu’?
    Vuole un esempio? Invece di progetti faraonici inevitabilmente lunghi e dispendiosi che nel frattempo lasciano incancrenire realta’ intollerabili, ci regali una bella rotonda al semaforo di Pinarella.
    Con 20 fioriere potremo finalmente evitarci attese che nelle domeniche estive divengono interminabili, poi, quando ci saranno progetti e quattrini, darete il via a quel solito inguardabile sarcofago di cemento, che a qualcuno piace chiamare progresso.
    Nel frattempo vivremo un po’ meglio.

    Grazie.

  • marina orioli

    caro Damiano, io ci sto ma occorre qualcuno che faccia da capofila e dia inizio, tu te la sentiresti insieme con alberti?
    con stima
    marina orioli

  • Cara Marina,
    ti ringrazio innanzitutto per la stima e per la disponibilità ad un comune percorso!
    Prima di partire, volevo capire che interesse c’era attorno a questa mia proposta.
    Penso che potrebbero essere i rappresentanti della nostra Diocesi alla Settimana Sociale di Reggio Calabria a promuovere un primo incontro, per favorire riflessioni e proposte su un possibile percorso di lavoro.
    In tal senso, ho avuto modo di parlare con qualcuno di loro.
    Un caro saluto,
    Damiano