Ecco cos’è il modello forlivese

RomagnaOggi.it – 1 marzo 2011.

Un imbarazzato Luca Bartolini, che si era avventurato nel volere descrivere un “suo” modello Forlì per quanto riguarda l’Interruzione Volontaria di Gravidanza, da contrapporre a quanto viene fatto in altri territori della Regione e smentito prima da un collega del Consiglio Regionale e poi dal coordinatore della rinnovata Consulta delle famiglie di Forlì, non sa più che pesci pigliare e la mette, a corto di argomenti, sulla “difesa degli amici di partito”.

Credo che ai forlivesi stia più a cuore capire in cosa consista l’esperienza avviata a Forlì alcuni anni fa in materia di Interruzione volontaria di gravidanza, quali obiettivi si prefigge e che risultati abbia prodotto.

All’interno del Percorso nascita realizzato a Forlì grazie a un accordo di programma fra Comuni del comprensorio, Azienda Usl e associazioni del terzo settore operanti nel sociale, esiste un apposito iter per le donne intenzionate ad interrompere la gravidanza, definito in un protocollo siglato nel 2007 fra Comune di Forlì, Ausl di Forlì e Consulta delle famiglie del Comune di Forlì (della quale fanno parte 24 associazioni di volontariato laiche e cattoliche).

Il protocollo prevede che la donna che è intenzionata ad interrompere la gravidanza, in passato ed oggi, venga accompagnata da operatori sociali e sanitari delle strutture pubbliche dal momento della decisione sino all’intervento in ospedale o alla maturazione di un’altra scelta.

Dopo l’accesso al Consultorio, a tutte viene proposto un colloquio, facoltativo, con l’assistente sociale. Nel caso di donne straniere, può essere richiesto l’intervento di una mediatrice culturale. Inoltre, è disponibile materiale informativo (opuscolo “Siamo con te nella gravidanza”), in più lingue, diretto a illustrare le risorse istituzionali e del privato sociale attivabili sia durante la gravidanza sia nel puerperio.

Dal 2007 al 2009, 599 donne si sono avvalse di tale opportunità e, di queste, 44 hanno scelto liberamente di proseguire la gravidanza. In questo caso, vengono poi messe in contatto, qualora lo desiderino, con operatori del privato sociale. Naturalmente, la donna è libera di rifiutare il confronto con l’assistente sociale e richiedere direttamente l’appuntamento per la visita ginecologica e l’ecografia. Da sottolineare che, a chi presenta uno stato di sofferenza, confusione, crisi o di IVG ripetuta, viene offerto un approfondimento con la psicologa del Consultorio.

Da ricordare infine che nel 2010, sono 306 le donne che si sono sottoposte all’interruzione volontaria di gravidanza, in calo rispetto alle 332 del 2009.

Questi i fatti, questi i dati. Se vogliamo parlare di “modello Forlì”, la sua originalità sta nel fatto che si è voluta superare la tentazione di una sterile contrapposizione tra servizi pubblici e associazioni e, nell’intento comune di una applicazione completa della legge 194 e di contrasto ai fattori che sono all’origine della pratica dell’IVG, si è puntato all’offrire alla donna la possibilità di un supporto e di un’informazione ampia che la metta in grado di fare la scelta autonoma e consapevole.

Davide Drei, Assessore alle Politiche di Welfare del Comune di Forlì

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.