Aziende agricole, limiti e agevolazioni per gli impianti fotovoltaici al posto dell’eternit

La sostituzione con pannelli fotovoltaici di tetti contenenti fibre di amianto, nei fabbricati ad uso agricolo, ha limiti e agevolazioni in due diverse norme regionali.

Il bando relativo all’Asse 3 del POR-FESR 2007-2013 (di competenza della Direzione regionale Attività produttive) con scadenza il prossimo 2 maggio, non prevede aiuti per le aziende agricole. L’Attività III.1.2. “Sostenere progetti innovativi nel campo delle tecnologie energetico-ambientali volti al risparmio energetico ed all’utilizzo di fonti rinnovabili” del Programma Operativo Regionale del Fondo europeo di sviluppo regionale (POR-FESR) 2007-2013 si rivolge, infatti, solamente alle Piccole e Medie Imprese (PMI) con sede legale e/o operativa nel territorio dell’Emilia-Romagna.

Sono invece previsti contributi e incentivi dai bandi dell’Asse 3 del PSR che saranno emanati ai primi di aprile e chiusi il primo luglio prossimo, da parte delle singole amministrazioni provinciali relativamente all’Asse 3 del Programma regionale di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013, con la Misura 311 “Diversificazione in attività non agricole” all’Azione 3 “ Impianti per energia da fonti alternativa”.

Per le aziende agricole che intendono installare “impianti fotovoltaici su coperture con contestuale eliminazione e/o risanamento di strutture in amianto esistenti” è previsto un aumento di punteggio pari a tre punti nella graduatoria del bando. A questa priorità si potranno aggiungere altri punti, in base ai singoli parametri provinciali che ogni amministrazione intenderà emanare.

In questo modo, per le aziende agricole che vogliono sostituire le lastre di eternit direttamente con pannelli fotovoltaici, si apre un più facile accesso ai finanziamenti, che possono arrivare al 50% della spesa ammissibile in regime “de Minimis”, a seconda della localizzazione territoriale dell’azienda e della tipologia di impianto installato.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Aziende agricole, limiti e agevolazioni per gli impianti fotovoltaici al posto dell’eternit

  • gianni bisulli

    Ciao Damiano
    Secondo te potrebbero esserci incentivi-contributi anche per privati al fine di rimuovere coperture in eternit in abitazioni e annesse pertinenze con installazione di fotovoltaico

  • onofri Pietrina

    buon giorno Damiano
    sarei interessata ad installare il fotovoltaico sopra il tetto della casa ma non ho un’azienda ci sono delle agevolazioni? a chi mi posso rivolgere? grazie

  • Caro Gianni,
    Cara Pietrina,
    dal momento che fate quesiti simili, vi rispondo con un’unica nota.
    Il bando emesso dalla Regione per rimuovere l’eternit e premiare la sua sostituzione con i pannelli fotovoltaici è riservato alle aziende.
    Tuttavia i privati cittadini possono beneficiare di altri sostegni previsti dalle nostre Amministrazioni:
    – rimozione dell’eternit: entro limiti non eccessivi è possibile contattare Hera per lo smaltimento gratuito dell’eternit. Informazioni su modalità, orari e prenotazione del servizio sono reperibili presso gli uffici territoriali di Hera;
    – contributi statali per l’installazione dei pannelli fotovoltaici (chiamati conto energia): tutte le info sono disponibili sul sito http://www.gse.it/attivita/ContoEnergiaF/servizi/Pagine/NuovoContoEnergia.aspx?Idp=1&Anno=&SortField=Modified&SortDir=DESC.
    Si tratta di contributi annui (per una durata di 20 anni) legati non all’investimento iniziale ma alla quantità di energia elettrica prodotta dall’impianto installato (rilevata da apposito contatore).
    L’entità dei contributi ha permesso in questi ultimi anni a migliaia di famiglie ed aziende di installare moltissimi impianti e si è finalmente sviluppato anche in Italia un indotto economico notevole che ha permesso a tantissime aziende di ampliare la propria attività.

    Purtroppo, come probabilmente avrete letto, il Governo, il 3 marzo scorso, ha approvato in via definitiva lo schema di decreto legislativo sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili contenente la riforma degli incentivi. Questo atto rinvia ad un successivo decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (da emanarsi di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), da adottarsi entro il 30 aprile prossimo, la decisione in merito alle modalità ed alla quantità degli incentivi concedibili dopo il 31 maggio 2011.
    Di fatto questa decisione rende ora impossibile sapere la quantità degli incentivi disponibili e blocca, di fatto, l’intero settore.
    È per questo che, assieme ai colleghi Consiglieri del PD, abbiamo immediatamente presentato una risoluzione all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna.
    Il testo, e una comunicazione più ampia in merito, lo trovate sempre qui sul mio sito, in un post del 10 marzo 2010 dal titolo “Fotovoltaico, risoluzione contro il decreto del Governo”.
    Un carissimo saluto,
    Damiano