I tagli che non fanno rumore

Niente forbici, ma ago e filo per ricostruire la comunità.

I servizi sociali, nel nostro Paese, sono stati pesantemente penalizzati dai tagli di spesa effettuati dalla Finanziaria Tremonti-Berlusconi. Ma non se ne parla a sufficienza.

Il panorama è desolante. A partire dal Fondo nazionale per le politiche sociali, un po’ il padre di tutti i fondi per il sociale, che quest’anno è stato ridotto a 275 milioni di euro: erano più del triplo solo tre anni fa. E che dire del Fondo per la famiglia, passato dai 185 milioni dell’anno scorso a 52?

Cresce poi il numero dei fondi letteralmente azzerati: dopo il Piano straordinario per gli asili nido è toccato al Fondo per la non autosufficienza (400 milioni di euro che vengono a mancare). Altri, come quello per gli affitti, sono ridotti a una cifra simbolica: giovani coppie e famiglie in crisi potranno sperare quasi soltanto negli aiuti che Regioni e Comuni, con difficoltà, hanno deciso di mantenere. Mentre le riduzioni sul servizio civile rischiano di mortificare un’esperienza il cui valore è riconosciuto a livello europeo. Nel complesso, se nel 2008, lo stanziamento nazionale per i principali fondi sociali superava i due miliardi di euro, quest’anno siamo a meno di un quarto (vedi tabella a fondo pagina).

Guarda caso i tagli colpiscono la rete dei servizi territoriali. Mentre le prestazioni gestite a livello nazionale non sono state minimamente sfiorate da alcuna ipotesi di riforma.

Valga per tutti l’esempio dell’indennità di accompagnamento: un’erogazione monetaria nata trent’anni fa e da allora mai migliorata, insensibile alle condizioni economiche di chi la percepisce e priva di alcun vincolo di utilizzo, quindi votata a essere la fonte primaria del welfare fai-da-te, quello del mercato sommerso delle assistenti familiari. Una misura granitica per cui verranno spesi quest’anno tredici miliardi di euro. Tutti i servizi sociali dei Comuni italiani costano la metà di questa sola misura: 6,6 miliardi nel 2008 secondo l’Istat.

Serve una ristrutturazione della spesa sociale, per un nuovo modello di sviluppo che ponga al centro la persone e la comunità. Serve una visione di sistema, l’intenzione di cambiare le cose e la capacità di scegliere. Tutte qualità che questo Governo dimostra, ogni giorno di più, di non avere.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.