SHAHBAZ BHATTI – “Io voglio servire Gesù”

Il testamento spirituale del Ministro per le minoranze del Pakistan, il cattolico Shahbaz Bhatti, assassinato il 2 marzo scorso a Islamabad, è una delle cose più belle che mi sia capitato di leggere negli ultimi tempi.

Il profondo desiderio di quest’uomo è che siano le sue azioni quotidiane a testimoniare la fede in Gesù Cristo.

Sono nato in una famiglia cattolica. Mio padre, insegnante in pensione, e mia madre, casalinga, mi hanno educato secondo i valori cristiani e gli insegnamenti della Bibbia, che hanno influenzato la mia infanzia.

Fin da bambino ero solito andare in chiesa e trovare profonda ispirazione negli insegnamenti, nel sacrificio, e nella crocifissione di Gesù. Fu l’amore di Gesù che mi indusse ad offrire i miei servizi alla Chiesa.

Le spaventose condizioni in cui versavano i cristiani del Pakistan mi sconvolsero.

Ricordo un venerdì di Pasqua quando avevo solo tredici anni: ascoltai un sermone sul sacrificio di Gesù per la nostra redenzione e per la salvezza del mondo. E pensai di corrispondere a quel suo amore donando amore ai nostri fratelli e sorelle, ponendomi al servizio dei cristiani, specialmente dei poveri, dei bisognosi e dei perseguitati che vivono in questo paese islamico.

Mi è stato richiesto di porre fine alla mia battaglia, ma io ho sempre rifiutato, persino a rischio della mia stessa vita. La mia risposta è sempre stata la stessa. Non voglio popolarità, non voglio posizioni di potere. Voglio solo un posto ai piedi di Gesù. Voglio che la mia vita, il mio carattere, le mie azioni parlino per me e dicano che sto seguendo Gesù Cristo.

Tale desiderio è così forte in me che mi considererei privilegiato qualora – in questo mio battagliero sforzo di aiutare i bisognosi, i poveri, i cristiani perseguitati del Pakistan – Gesù volesse accettare il sacrificio della mia vita.

Voglio vivere per Cristo e per Lui voglio morire.

Non provo alcuna paura in questo paese. Molte volte gli estremisti hanno desiderato uccidermi, imprigionarmi; mi hanno minacciato, perseguitato e hanno terrorizzato la mia famiglia.

Io dico che, finché avrò vita, fino al mio ultimo respiro, continuerò a servire Gesù e questa povera, sofferente umanità, i cristiani, i bisognosi, i poveri“.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to SHAHBAZ BHATTI – “Io voglio servire Gesù”

  • Paolo Zammarchi

    La vita e la morte di Shahbaz Bhatti sono la testimonianza più vera e credibile della sua fede cristiana espressa nel suo testamento spirituale e confermano che, anche in questo tempo, vi sono ancora persone disposte a seguire Gesù fino in fondo, fino al dono supremo della propria vita per amore degli ultimi. Davvero un grande esempio da additare soprattutto alle giovani generazioni. Conserverò questo “testamento spirituale” e lo diffonderò.

  • Ivan Bartoletti Stella

    Una testimonianza davvero esemplare soprattutto considerando che riguarda un politico. Ne ho letto alcuni brani oggi in questa seconda domenica di quaresima, dove durante l’omelia ho paragonato l’esperienza della trasfigurazione a quella dell’innamoramento e questa è la testimonianza di uno che era pazzamente innamorato del Signore. Grazie Damiano. Un saluto a tutta la famiglia anche da Floriana.Ivan.