Se il nostro “5 per mille” finisce per diventare il 3,5

Famiglia Cristiana – lunedì 13 marzo 2011.

La pubblicazione, da parte dell’Agenzia delle Entrate, degli elenchi dei beneficiari del 5 per mille secondo le scelte dei cittadini nell’ultima dichiarazione dei redditi ci porta tre buone notizie e fa nascere altrettante preoccupazioni.

Partiamo dalle cose belle: il numero dei cittadini che ha creduto in questo strumento di sussidiarietà a sostegno del terzo settore è tornato a crescere, raggiungendo quasi la cifra di 15 milioni e mezzo, record del 2007, primo anno di sperimentazione.

Inoltre, i cittadini hanno in grande maggioranza indicato l’associazione cui destinare le risorse, facendo comprendere un preciso orientamento e una vicinanza ai soggetti beneficiari.

La terza buona notizia risiede nella saggezza di chi ha scelto: pur essendoci tanti enti strani, le scelte sono andate a strutture conosciute, a livello nazionale o locale, lasciando a bocca asciutta “cavalieri templari”, “aeromodellisti”, “giocatori di bowling” e altri soggetti forse attivi, ma dalla discutibile utilità sociale.

La comunicazione dell’Agenzia porta, però, altrettante preoccupazioni.

In primo luogo i soldi distribuiti quest’anno saranno pari a 420 milioni, mentre per il 2011 sono a bilancio, a tutt’oggi, solo 300 milioni. Se non saranno presto reperite nuove risorse per quest’anno la misura sarà il “3,5 per mille”, con buona pace di tutte le promesse fatte.

Inoltre, i soggetti beneficiari sono davvero troppi: oltre 46 mila, di cui circa la metà hanno ottenuto meno di mille euro. Urge ripensare i criteri di ammissione al beneficio, connessi alla valutazione dell’utilità sociale di ciascuno.

Infine, osserviamo che le cifre complessive sono importanti e solo con controlli efficienti e sicuri, coordinati dall’Agenzia per il Terzo settore, si potrà evitare che, a causa di qualche imbroglione, questo straordinario successo di partecipazione si perda in rivoli di polemiche. Il terzo settore gode a ragione della stima dei cittadini: sosteniamolo con le risorse, ma non lasciamolo inquinare.

Andrea Olivero, Presidente nazionale delle ACLI e portavoce del Forum del Terzo settore

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.