Albergo diffuso, estendere questa opportunità anche ai Comuni con più di 5 mila abitanti

Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale: “Promuovere la diffusione di questi progetti di turismo sostenibile significa creare nuove opportunità per tutti”.

La prima idea di albergo diffuso prende origine in Carnia, a seguito del terremoto del 1976, dalla necessità di utilizzare anche a fini turistici, case e borghi disabitati, che venivano ristrutturati. Dobbiamo però attendere la fine degli anni ottanta per far si che l’idea dell’albergo diffuso assuma contorni più chiari ed inizi ad essere concepita non tanto come una rete di appartamenti, quanto piuttosto come un’impresa, un albergo orizzontale, situato in un centro storico di fascino, con camere e servizi dislocati in edifici diversi, seppure vicini tra di loro.

L’albergo diffuso è anche un modello di sviluppo del territorio che non crea impatto ambientale. Per dare vita ad un albergo diffuso, infatti, non sono in genere necessarie nuove costruzioni, dato che ci si limita a recuperare/ristrutturare e a mettere in rete quello che esiste già. Inoltre un albergo diffuso funge da “presidio sociale” e anima i centri storici stimolando iniziative e coinvolgendo i produttori locali, considerati come componente chiave di un vero e proprio progetto turistico “diffuso”, a cui partecipa tutta la comunità ospitante.

In Emilia-Romagna gli alberghi diffusi sono diventati realtà riconosciute grazie alla delibera di Giunta regionale n. 916 del 2007, che ne ha attestato la valenza e regolamentato la diffusione.

“Questo non basta – scrive Zoffoli nel testo dell’interrogazione – perché non tutti i territori della nostra Regione possono dare vita a questa tipologia di strutture ricettive e alla relativa offerta turistica. Con l’interrogazione ho voluto porre l’attenzione su questi progetti per verificare con la Giunta regionale, da sempre sensibile allo sviluppo di nuove forme ed opportunità di sviluppo turistico, i risultati ottenuti fino ad ora e prendere in esame la possibilità di estendere la diffusione di questi alberghi anche nei piccoli centri e nei borghi ubicati all’interno dei territori dei Comuni con più di 5.000 abitanti, che al momento sono esclusi. Ritengo che la dimensione demografica del Comune non sia un elemento sufficiente a valutare la sussistenza, o meno, dei presupposti per creare un albergo diffuso. Penso invece che sia l’esistenza di un contesto di interesse culturale, artistico, ambientale e sociale, favorevole alla realizzazione di un progetto turistico innovativo per la valorizzazione della tipicità locale ed il benessere della persona ospitata, il vero valore aggiunto di questi progetti da premiare e diffondere laddove ci siano le condizioni per farlo”.

Nell’interrogazione Zoffoli chiede pertanto alla Giunta regionale se non ritenga opportuno apportare modifiche alla delibera in questione “onde dare maggior impulso a questa opportunità di sviluppo sostenibile del nostro territorio”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

6 comments to Albergo diffuso, estendere questa opportunità anche ai Comuni con più di 5 mila abitanti

  • Roberto

    Mi sembra un’ottima idea. Ho avuto la possibilità di sperimentare un albergo diffuso in Umbria, dove hanno utilizzatouna serie di casali abbandonati recuperati egregiamente.
    Credo che nella nostra regione, ed anche in località marinare si possa sperimentare questa opportunità, ovviamente se viene innalzato il numero attuale di 5 mila abitanti.
    Grazie Damiano per la proposta.

  • Mi associo grande Damiano. L’ Albergo diffuso nei nostri borghi sono una ricchezza del Territorio.
    Oggi sono un possibile punto di partenza per un nuovo turismo.
    Slow, eco friendly, sostenibile. I nostri piccoli borghi sono spesso percepiti come un luogo poco conosciuto (da trovare e da scoprire) in una dimensione legata al passato, con un elemento di attrazione (un castello, una chiesa) e immerso in una natura tipica della zona. Borgo quindi vuol dire autenticità (artigianato locale, costumi), genuinità (patrimonio enogastonomico autoctono, cibo tradizionale, sapori veri da ri-scoprire), tradizioni (il folklore ormai perso nelle grandi città).
    Tutto quello insomma che si può riassumere nelle capacità relazionali autentiche delle comunità che abitano i borghi dell’Emilia-Romagna e nei tempi di vita più lenti e meno frenetici. Grazie per il tuo grande impegno allo sviluppo della nostra amata regione. Un abbraccio

  • Roberto, Fausto,
    grazie per i vostri feedback.
    vi terrò aggiornati sull’evoluzione della cosa.
    Damiano

  • Filippo Donati

    Salve Zoffoli, io da albergatore la invito a fare attenzione oltre ai vantaggi agli enormi svantaggi che la cosa porterebbe alla categoria alla quale appartengo, vivo a Ravenna e diversi alberghi di piccole dimensioni rischiano la chiusura per l’insostenibile concorrenza, molta della quale fuori dalle regole (che nessuno poi si prende la briga di andare a fare rispettare), dei B&B e R&B.
    B&B aperti tutto l’anno e con più delle tre camere consentite, agriturismi che servono grigliate di pesce e feste a tema fanno numero ma uccidono il sistema alberghiero, strozzato da norme devastanti ed anacronistiche.
    Se vorrà confrontarsi io sono a sua disposizione, faccio parte del CCT regionale e può contattarmi in qualsiasi momento
    Grazie per l’attenzione
    Filippoo Donati

  • Paolo Pantieri

    Non ci conosciamo personalmente, ma ho apprezzato il tuo lavoro fatto a Cesenatico e quello che stai facendo ora per la Regione.
    Io è da un pò che sto pensando a questa opportunità e mi sarebbe piacuto sperimentarla sulla costa con un progetto innovativo, ma ahimè c’è quel vincolo normativo dei 5000 abitanti che non mi ha permesso di andare oltre.
    Mi piacerebbe tanto poterne parlare e vedere se assieme possiamo avviare un progetto pilota che faccia un pò da apripista.
    Buona giornata e buona unità d’Italia!

  • MAURIZIO BALESTRA

    Ciao Damiano,
    sono d’accordo sicuramente, ma farei una proposta che va anche oltre e che, a quanto ne so, è gia in atto in Inghilterra dove, per sostenere gli agricoltori ed incoraggiarli a rimanere tali, gli si è permesso di incrementare i loro introiti dando a chi ne ha la possibilità la facoltà di ospitare a pagamento chi ne faccia loro richiesta(credo che ci sia un max di due camere e non ricordo come stanno le cose riguardo la possibilità di mangiare sul posto oltre la colozazione). In questo modo l’aiuto è reale e non credo che possa essere considerato come una concorrenza sleale fatta agli albergatori, a differenza invece dei tanti finti agriturismi sorti ovunque come funghi.
    Persa che l’Inghiltrerra può essere attaversata da un capo all’altro, andando a piedi ec on un piccolo zaino per portare i vestiti di ricambio. Ogni pochi chilometri, anche nei luoghi più sperduti puoi trovare da dormire (e a quanto ricordo, anche da mangiare)
    Non sarebbe bello se potesse essere così anche da noi?

    Ci si vede Maurizio