Ammortizzatori sociali, continuità per tutto il 2011

Indicazioni operative per la prosecuzione, nel corso del 2011, degli interventi di ammortizzatori sociali in deroga di cui alla delibera di Giunta regionale n. 223 del 2011 “DISPOSIZIONI REGIONALI PER ATTUAZIONE AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA NEL 2011 – MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 692/09 E S.M.

Punto 1. È possibile accedere, per l’anno 2011, alla Cassa Integrazione in deroga (sia ordinaria che straordinaria) senza tenere conto dell’utilizzo della CIG nel biennio 2009/2010.

Punto 2. Gli Enti bilaterali che sottoscrivono convenzioni con l’INPS ai fini dell’integrazione del 20% dell’indennità di disoccupazione in favore dei lavoratori di cui all’art. 19, c. 1 della L. 2/2009, devono darne comunicazione alla Regione entro 30 giorni dalla data di sottoscrizione di tale convenzione.

Punti 3. e 4. I datori di lavoro che aderiscono ad Enti bilaterali, che abbiano sottoscritto convenzione con l’INPS di cui al punto precedente, non potranno richiedere gli ammortizzatori sociali in deroga in favore dei propri dipendenti, a meno che la richiesta non sia stata presentata prima dell’attivazione del trattamento integrativo a carico degli Enti bilaterali stessi.

Solamente al termine del trattamento integrativo a carico degli Enti bilaterali, i datori di lavoro potranno far ricorso agli ammortizzatori sociali in deroga. In questo caso la richiesta di accesso ai trattamenti potrà essere presentata entro 40 giorni dall’inizio delle sospensioni o delle riduzioni dell’orario di lavoro.

Resta invariato il termine di 20 giorni previsto dalla DGR 2219/2009 per tutte le altre situazioni che non rientrano nella casistica sopra specificata.

Punto 5. Saranno autorizzate per tutto il periodo le domande di accesso agli ammortizzatori in deroga che sono pervenute entro il 21/2/2011 alla Regione, oltre il termine dei 20 giorni dall’inizio delle sospensioni/riduzioni di orario, a seguito di diniego da parte dell’INPS di accesso ad ammortizzatori sociali ordinariamente stabiliti, oppure inviate nei termini ma erroneamente all’INPS.

I datori che abbiano richiesto all’INPS l’accesso agli ammortizzatori ordinariamente stabiliti, che non abbiano ancora presentato per gli stessi periodi richieste di accesso agli ammortizzatori in deroga, potranno provvedere a presentarle entro 30 giorni dal 21/2/2011 (mercoledì 23 marzo 2011). Dopo tale data le domande saranno ritenute irricevibili.

Punto 6. L’esame congiunto in sede pubblica presso la Regione Emilia-Romagna sarà svolto solamente per l’accesso alla cassa integrazione straordinaria in deroga. L’esame congiunto sarà svolto anche per le richieste di accesso alla cassa integrazione ordinaria in deroga qualora non si sia raggiunto l’accordo in sede sindacale o per difetti nelle procedure di consultazione. Quindi non si svolgeranno più gli esami congiunti presso la Regione per le richieste di CIGO in deroga per le quali si sia raggiunto l’accordo in sede aziendale.

Punto 7. I lavoratori che sono stati licenziati da datori di lavoro che abbiano cessato l’attività (es. liquidazione o procedure concorsuali) potranno beneficiare del trattamento di mobilità in deroga senza aver beneficiato in precedenza della cassa integrazione straordinaria in deroga. Nel caso in cui il datore di lavoro risulti irreperibile, la domanda potrà essere fatta sulla base di istanza da parte sindacale.

Punto 8. Fatto salvo per i lavoratori somministrati per i quali sono definite apposite regole, il requisito di anzianità aziendale di 90 giorni per essere ammesso a beneficiare dei trattamenti di cassa integrazione in deroga, sia ordinaria che straordinaria, verrà calcolato dalla data in cui viene presentata la domanda di accesso a tali trattamenti.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Ammortizzatori sociali, continuità per tutto il 2011

  • Donata Bicocchi

    Mi rivolgo a Lei, in merito agli ammortizzatori sociali, perchè vorrei evidenziare in quale situazione mi trovo.
    Sono stata occupata contemporaneamente presso 2 datori di lavoro, dal 03/10/2005 al 03/03/2011, svolgendo 2 lavori part-time al 50% come sotto specificati:
    – al mattino lavoro presso un Ente con gestione pensionistica Inpdap,con un rapporto di lavoro a tempo indeterminato che è iniziato il 03/10/2005 ed è tuttora in essere;
    – al pomeriggio ho lavorato n.4 ore presso un’azienda metalmeccanica,con gestione pensionistica Inps, con un rapporto di lavoro a tempo indeterminato che è iniziato il 01/07/1974 a tempo pieno, successivamente trasformato in part-time e si è concluso in data 03/03/2011, per licenziamento collettivo per riduzione del personale.
    L’ Inps, a seguito della presentazione della domanda di mobilità/disoccupazione, mi ha risposto che avendo un lavoro part-time al 50% non ho diritto all’ indennità di mobilità e di conseguenza neppure alla copertura contributiva e neppure alla disoccupazione.
    Mi sono domandata perchè un lavoratore part-time debba essere così discriminato nei confronti di un lavoratore con un solo rapporto di lavoro. Avendo questa situazione lavorativa dal 2005, quindi in essere al momento del licenziamento collettivo,perchè non posso godere degli ammortizzatori sociali? Sarebbe giusto che li perdessi nel momento di una nuova occupazione, invece non ne ho diritto da subito in quanto non risulto disoccupata. Il mio reddito si riduce al 50% però non posso godere dell’ indennità di mobilità.
    Ringrazio anticipatamente per l’ attenzione accordatami e nell’ attesa di un Suo riscontro, porgo distinti saluti.
    Bicocchi Donata
    Viale della Repubblica, 2
    40019 S.AGATA BOLOGNESE
    TEL.051/6820199

  • Gentile Donata,
    purtroppo il suo caso ricade all’interno delle mansioni svolte dall’INPS e, nel rispetto delle reciproche competenze, non vi è alcuna possibilità per la Regione di intervenire. Nel caso in cui ritenga che la sua situazione non sia stata valutata correttamente potrà rivolgersi alla sede provinciale dell’INPS e chiedere chiarimenti.
    La Regione Emilia-Romagna, nei limiti delle possibilità e delle competenze che sono state attribuite alle Regioni, interviene invece su altre tipologie di ammortizzatori sociali, gli ammortizzatori in deroga, che sono stati previsti e finanziati interamente dal nostro bilancio. Si tratta di ammortizzatori che vengono messi a disposizione di quelle imprese che non hanno diritto ad usufruire degli ammortizzatori nazionali o che hanno esaurito il periodo di tempo in cui potevano accedervi. Parliamo, quindi, di altre tipologie di interventi, del tutto indipendenti ed autonomi rispetto all’operato dell’INPS.
    Cordiali saluti,
    Damiano Zoffoli

  • MI RIVOLGO A LEI RIGUARDO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA.SICCOME STA 1 AZIENDA CHE VUOLE ASSUMERE, HO PAURA CHE DOPO 3 MESI NON MI FACCIA PIU’ IL CONTRATTO.CON LA MOBILITA’ IN DEROGA POSSO SOSPENDERLA COME LA MOBILITA’ ORDINARIA O NO?MI CHIAMO NICOLA E SONO DI BARI.LA MOBILITA’ IN DEROGA VALE FINO A DICEMBRE 2011?RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER L’ATTENZIONE E NELL’ATTESA DI UN SUO RISCONTRO,PORGO DISTINTI SALUTI

    • Gentile Nicola,
      da questa segnalazione non si comprende esattamente la sua situazione professionale e anche il quesito risulta poco chiaro.
      Per poterle dare una risposta esauriente (confrontandomi con gli uffici regionali competenti) le chiedo la cortesia di fornirmi maggiori dettagli sulla vicenda.
      In attesa di ricevere le informazioni necessarie per poterla aiutare, le invio un cordiale saluto,
      Damiano Zoffoli