Auguri Italia!



C’è una Nazione intera da festeggiare quest’anno!
E un primo pensiero va alle donne e agli uomini d’Italia che si sono adoperati, come cittadini attivi, spendendosi nei più disparati ambiti della società civile, facendo la propria parte perché la varietà delle esperienze, delle competenze, delle provenienze, delle culture, dei dialetti, delle tradizioni, …. potessero ricomporsi nella concordia di un’unica Nazione.
Non possiamo però dimenticare che, in questo nostro tempo, come agli albori della nostra storia, incombono sul futuro dell’Italia numerose spinte che, enfatizzando particolarismi, localismi, razzismi, egoismi di piccolo o grande rilievo, rischiano di innalzare barriere anziché di aprire le porte dell’incontro, della tolleranza e della convivenza armoniosa di culture e religioni diverse.

Che i 150 anni ricordino a tutti noi che la libertà è un dono che viene dal passato, ma vive di futuro.
E che questo anniversario sia l’occasione per riaffermare il dovere di rispondere con l‘educazione alla perdita di modelli di riferimento stabili, alla cultura dell’apparire e del sopraffare l’altro ad ogni costo, alla mercificazione della donna e quindi, in buona sostanza, al venir meno di un nitido orizzonte di senso.
La sfida educativa non può prescindere dal porre al centro la cultura della legalità: che vuol dire tenere insieme l’etica del limite con il concetto vero di libertà. È importante educare alla comprensione che non tutto ciò che è possibile è anche lecito, ma anche all’esperienza umana della sconfitta, in una società rivolta esclusivamente al vincente, al migliore, al perfetto. Educare all’etica del limite significa proporre un’alternativa ad una cultura del “successo ad ogni costo”, che sfocia facilmente nel dileggio delle regole civili e sociali.

Che quest’anno ci porti la consapevolezza che quello che abbiamo è ciò che gli altri hanno dato per noi; e quello che i nostri figli avranno è ciò che noi daremo per gli altri.
L’augurio diventa dunque un impegno ad “essere”, prima ancora che a “dire” o “fare”, adoperandosi per “lasciare il mondo un po’ migliore di come l’abbiamo trovato”, sapendo reagire al pessimismo ed alla voglia di tirare i remi in barca.

In occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia l’Assemblea Legislativa regionale, mercoledì 16 marzo, si riunirà in seduta solenne.
I lavori saranno aperti dal Presidente Matteo Richetti, seguirà la lezione del professor Angelo Varni (vicepresidente del Comitato regionale per le celebrazioni dell’anniversario), ci saranno poi gli interventi dei Presidenti dei gruppi consiliari e le conclusioni del presidente della Regione, Vasco Errani.
Alla cerimonia parteciperanno autorità civili e militari.
Come sempre, sarà possibile seguire i lavori in diretta web.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.