Il nucleare è costoso, insicuro e pericoloso per la salute e l’ambiente. Ecco perchè voto sì al referendum

Il Comitato nazionale “VOTA SÌ per fermare il nucleare” lancia la sua sfida referendaria per portare al voto almeno 25 milioni di cittadini e far prevalere il sì.

Nonostante una massiccia campagna di disinformazione, il nucleare resta costoso, continua ad essere insicuro e a mettere a rischio la salute e l’ambiente, senza liberare l’Italia dalla dipendenza energetica (l’uranio si dovrebbe comunque importare).

Le stime più recenti fatte negli USA dimostrano che, al 2020, il costo del kilowattora nucleare sarà del 75% maggiore di quello del gas e del 27% di quello dell’ eolico.

Non ci sono certezze dal punto di vista della sicurezza (anche i nuovi reattori non sono stati progettati con criteri di sicurezza intrinseca, cioè non sono in grado di autoregolarsi in caso di incidente).

I lavoratori delle centrali e i cittadini che vi abitano intorno sono sempre a contatto diretto con la radioattività: un’indagine fatta in Germania sulle 17 centrali, ha mostrato una dipendenza dell’insorgenza di patologie infantili (bambini da 0 a 5 anni) dalla vicinanza alle centrali.

Resta inoltre ancora irrisolta la questione delle scorie e, per quanto riguarda la riduzione delle emissioni di CO2, è stato valutato che, anche raddoppiando l’attuale potenza nucleare installata, la CO2 si ridurrebbe solo del 5%.

È per tutte queste ragioni che, anche in Emilia-Romagna, diremo sì all’abrogazione della legge sul nucleare: per l’adozione di fonti pulite e rinnovabili, per la tutela della sicurezza dell’ambiente e dei cittadini, per il futuro del nostro Paese.

Il nucleare è sbagliato, il futuro è delle rinnovabili!

Il piano del Governo per riportare il nucleare in Italia è un progetto anacronistico, pericoloso e profondamente sbagliato. Non sono valutazioni dettate dall’emotività suscitata dalla tragedia che ha colpito il Giappone nei giorni scorsi, ma nascono da una attenta riflessione che portiamo avanti da oltre un anno.

È per tutte queste ragioni che il Partito Democratico ha deciso di sostenere il referendum per l’abrogazione della legge sul ritorno al nucleare che si svolgerà nei prossimi mesi.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Il nucleare è costoso, insicuro e pericoloso per la salute e l’ambiente. Ecco perchè voto sì al referendum

  • cosimo

    Il nucleare ci portera’ solo ad un disastro ambientale.Incrementiamo le fonti rinnovanili,ma fatti solo per i cittadini e non per gli speculatori.

  • Paolo Zammarchi

    Le centrali nucleari sono molto pericolose. In caso di disastri imprevedibili e sempre possibili (come in Giappone) si sviluppano e propagano nell’ambiente radionuclidi (particellle radioattive) che hanno tempi di dimezzamento di centinaia o migliaia di anni! E non esiste al mondo un posto sicuro dove depositare le scorie radioattive, anche perchè col tempo tutto si degrada (anche le protezioni più efficaci) e le particelle radioattive possono sempre fuoriuscire ed inquinare. Meglio puntare su fonti di energia alternative e rinnovabili. Ad esempio, gli automezzi potrebbero funzionare totalmente col biodiesel, ma se ne consente attualmente solo l’aggiunta al gasolio in una piccolissima percentuale!…Evidentemente ci sono troppi interessi in gioco legati al petrolio!