Il nostro impegno per la famiglia

Caro Direttore,

il nostro Paese corre due rischi evidenti: quello di allargare la distanza tra chi ha sempre di più e chi ha sempre di meno, e quello di assistere a una progressiva frammentazione sociale e individuale, che indebolisce i legami e le relazioni tra le persone.

Questi mutamenti sociali ci impongono un ripensamento complessivo delle politiche di welfare, per dare risposte adeguate alle richieste e ai bisogni, sempre più diversi e articolati, che stanno emergendo.

Bisogna passare da un welfare, quello di oggi, costruito sulla centralità del maschio adulto italiano e dove pensioni e sanità occupano circa l’80% del totale della spesa sociale, ad un modello comunitario che tenga conto di tutte le persone e delle relazioni in cui le stesse si trovano a vivere – in particolare delle relazioni familiari – per ricostruire un patto fra le generazioni.

Si tratta, a mio avviso, di restituire un ruolo attivo, e non solo di ammortizzatore di riserva, alla famiglia. A quella che già c’è e che, da sola, fa fatica a sostenersi. E a quella che potrebbe esserci ma che non c’è, a causa di un sistema che in questi anni ha frustrato la possibilità di intraprendere percorsi autonomi per tanti giovani che hanno rimandato scelte di vita fondamentali, come quella di sposarsi o di fare figli. Perché il nostro Paese – vecchio ma, appunto, pieno di risorse – deve tornare a fare figli per uscire dal declino.

È anche per questi motivi che, nei prossimi 12 mesi, la nostra Regione destinerà 21 milioni di euro alla famiglia. La cifra è il risultato dell’intesa siglata lo scorso 7 ottobre tra Governo e Regioni, per il riparto delle quote del Fondo per le politiche della famiglia.

In base a tale accordo all’Emilia-Romagna andranno 7.083.800 euro, ai quali aggiungiamo 13.900.000 euro di fondi regionali. Le risorse saranno finalizzate, in via prioritaria, al proseguimento dello sviluppo e del consolidamento del sistema integrato, da rendere più flessibile, di servizi socio-educativi per la prima infanzia (0-3 anni) e alla realizzazione di altri innovativi interventi a favore delle famiglie numerose o in difficoltà, sulla base della valutazione del numero dei figli, della composizione e dei livelli reddituali del nucleo familiare.

A proposito di buone pratiche, una bella notizia ci arriva dall’Università di Bologna: in un momento come l’attuale, con le risorse economiche in caduta libera, il rettore Ivano Dionigi ha deciso di destinare 2 milioni di euro a favore delle famiglie del personale tecnico amministrativo dell’Ateneo, per aiutarle nella cura e nell’istruzione dei figli.

Fondamentale sarebbe poi la valorizzazione dell’associazionismo familiare, che deve essere riconosciuto come soggetto sociale nuovo, espressione di responsabilità e autonomia delle famiglie stesse, che non vogliono essere ridotte a semplice oggetto di assistenza, ma vogliono diventare protagoniste delle scelte.

Il convegno Una città per la famiglia organizzato domani mattina a Forlì, dall’Associazione delle Famiglie, assieme ai Comuni di Forlì e Cesena, è l’occasione per dare forza a questo percorso, affinché le politiche familiari non siano più considerate un semplice costo, ma una risorsa e un investimento per tutta la comunità.

Un nuovo welfare, quindi, come motore di sviluppo economico, oltre che civile.

Questa sfida richiede, alla Politica, l’umiltà e il coraggio di cambiare, incominciando a valorizzare e a mettere in rete le tante e buone esperienze e realtà che già oggi ci sono e operano nel territorio di Forlì-Cesena, pur senza fare notizia.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Il nostro impegno per la famiglia

  • Daniele

    AVANTI TUTTA!!!!
    Penso siano utili incontri con membri del forum delle famiglie e con le forze sociali per avere dettagli; potrebbe essere un buon metodo di lavoro. Le idee e gli obiettivi sono chiarissimi, si tratta di guadagnare “pastorale autorevolezza” nel processing; la buona lavorazione nel tempo di idee e fatti concreti, il coinvolgimento di altre forze politiche e sociali e di volontariato, la messa a punto di buona progettualità, il coraggio delle proprie idee…
    Il cerchio si allarga… come la famiglia