Vi dico io qualcosa di sinistra

Vanity Fair – 15 febbraio 2011. Articolo di Sara Faillaci.

«Siete meravigliosi». «Grazie». «Buon lavoro». Ecco il tipo di parole che Matteo Renzi scambia con la gente che incontra nei cinque minuti in cui camminiamo per le strade della sua Firenze. A 29 anni presidente della Provincia (il più giovane mai eletto in Italia); a 34, dopo le primarie cittadine del PD vinte a sorpresa, sindaco (il più giovane tra quelli delle principali città del Paese): a 36 appena compiuti, dopo un anno e mezzo di mandato, i sondaggi lo indicano come «il più amato d’Italia». Amato più dalla base che dai vertici del partilo di centrosinistra: lui vuole «rottamarli» perché vecchi, loro gli danno del demagogo carrierista. E il suo incontro a sorpresa con Berlusconi ad Arcore, lo scorso dicembre, non ha certo fatto bene al clima.
Lo incontro alla vigilia della pubblicazione di “FUORI!”, un libro a metà tra l’autobiografia e il Renzi-pensiero, comprese le frecciate ai baroni del PD. Prima dell’intervista mi porta a mangiare un panino nella salumeria dove pranza ogni giorno, insiste perché veda il teschio di diamanti – opera di Damien Hirst – esposto a Palazzo Vecchio («Non sa che battaglia per far entrare l’arte moderna qui dentro»). Vorrebbe tornare fuori per mostrarmi la Piazza del Duomo che ha di recente pedonalizzato, ma lo blocco.

È il sindaco più amato d’Italia. Che effetto le fa?
«Non faccio il sindaco per vincere un primato, ma perché sono innamorato di questa città e voglio fare qualcosa per migliorarla. Allo stesso modo, non mi interessa semplicemente “rottamare” la vecchia classe politica: vorrei fa uscire la sinistra dalla palude in cui si è cacciata».

Infatti il suo libro si intitola “Fuori!”. Quando è stato annunciato, sembrava dovesse pubblicarlo Mondadori. Perché, alla fine. Rizzoli? Ragioni politiche?
«Banale questione di soldi: Rizzoli ha pagato di più».

Perché un libro?
«L’idea mi e venuta quando ho sentito una bambina di seconda elementare, alla domanda: “Chi sono i politici?”, rispondere: “Quelli che rubano”. L’ho scritto per dire che la politica può essere una cosa bella. Anche se, a dirlo oggi, rischi di sembrare pazzo».

Secondo i sondaggi, la gente apprezza.
«I dirigenti, un po’ meno. Fosse stato per D’Alema, Bersani & Co, oggi non sarei qui: quando hanno visto che i sondaggi mi davano in testa, si sono inventati quella simpatica regoletta per cui già alle primarie, in caso di mancato raggiungimento del 40%, sarei dovuto andare al ballottaggio. Gli è andata male».

Perché ce l’hanno con lei?
«Perché, pur essendo giovane, mi sono permesso di criticarli. Perché mi sono rifiutato di fare il pollo da batteria e, invece di accontentarmi del posto sicuro da presidente della Provincia, mi sono rimesso in gioco con le primarie da sindaco. Perché ho detto che, se le avessi perse, avrei chiuso con la politica, mentre loro non mollano una poltrona nemmeno a morire».

L’avrebbe fatto davvero?
«Certo. Mi sarei preso due mesi per imparare l’inglese e poi avrei messo l’annuncio. Ce l’avevo già pronto: “34enne dirigente d’azienda cerca lavoro causa sconfitta elettorale”. Mi piaceva l’idea di scriverlo chiaramente, in un Paese dove le elezioni le vincono tutti o al massimo le pareggiano, ma non le perde mai nessuno. Infatti una sostenitrice mi disse che non mi votava perché, se avessi mantenuto la promessa, avrei dato un bel segnale».

Non sarebbe tornato nell’azienda di marketing di suo padre?
«No, perché lui mi ha detto: “Non c`è ciccia per due”. L’azienda è piccola, ha otto dipendenti».

Però, mentre studiava per laurearsi in Legge, ci aveva lavorato. E li che ha imparato a comunicare?
«Chi è cresciuto alle Frattocchie (la vecchia scuola dei dirigenti del Partito Comunista, ndr) pensa che “comunicazione” sia una parolaccia, una cosa di destra. Ma se vogliamo tornare al governo non possiamo continuare a parlare ostrogoto e poi lamentarci se la gente non ci capisce. Dobbiamo sfruttare le nuove potenzialità».

Si riferisce a Facebook? Ha una pagina dove parla quotidianamente – anche del privato – con i suoi cittadini.
«Una comunità di persone che commenta e critica è utilissima. Ma intendiamoci: la qualità della tua proposta politica non dipende da quanti amici hai sui social network, se no dovrebbe governarci Belen».

D’accordo, comunicare non è di destra. Ma certe sue prese di posizione – sulla vicenda Fiat, per esempio – un po’ lo sembrano.
«Il referendum non riguardava lo stipendio di Marchionne, che per me è assolutamente sproporzionato, ma un investimento che, se non veniva fatto da noi, sarebbe finito in Brasile e avrebbe causato 4.850 licenziamenti a Mirafiori. Penso ci voglia il coraggio di dire che l’investimento va fatto, e poi di tenere il fiato sul collo a Marchionne perché rispetti i suoi impegni: sarebbe possibile, se solo il governo facesse ancora politica industriale. E invece, in tv, certi conduttori che prendono svariate centinaia di migliaia di euro l’anno ti fanno la predica sui diritti degli operai. Ma l’hanno vista la faccia dei cassintegrati che non riescono a guardare negli occhi i figli perché non possono comprargli i libri di scuola? Io si».

Sembra che la sinistra non le piaccia.
«Non mi piace la sinistra post-sessantottina che adora il lavoro degli operai quando gli operai sono altri. Quella che aumenta le cattedre dei baroni all’Università ma non i laureati. Quella che ci fa due palle così sulla scuola ma continua a sindacalizzarla. Con la logica del 18 politico ha rovinato l’università: se cancelli il merito passa il messaggio che la scorciatoia è lecita, e poi si fa la morale a chi cerca la scorciatoia».

Mi dica qualcosa di sinistra in cui crede.
«Credo nella responsabilità come la intendeva Don Milani: “Io sto bene se stai bene tu”, contrapposta alla difesa dei propri interessi. Al liberalismo in economia, ma senza condoni. Sull’ambiente ho fatto la cosa più di sinistra possibile, il piano strutturale a volumi zero: Firenze smette di costruire e ogni bambino ha diritto a un parco a non più di dieci minuti a piedi. Sono per il merito (se sei brava non devi darti via per fare carriera) non per la rendita (per un sistema dove basta il tuo cognome). Credo in una sinistra che ha permesso a un avvocato di strada di Chicago, che aveva la somma sfortuna di chiamarsi Obama Hussein, di diventare presidente degli Stati Uniti dopo l’11 settembre».

Veltroni parlava un po’ come lei e ha perso lo stesso.
«Perché lui non era nuovo. Nel resto del mondo il partito rimane come contenitore dove generazioni diverse seguono i loro sogni. Da noi succede l’esatto contrario; i leader restano gli stessi, cambiano i nomi dei partiti».

Ha mai pensato di lasciare il PD?
«No, perché penso sia la più bella esperienza politica, per come ce l’avevano raccontata: un partito che puntava sull’ascensore sociale, sul talento, sull’innovazione, sul merito, sul non guardare al passato. Il partito dei pionieri, non la cooperativa dei reduci nostalgici».

Esiste un politico che le piace?
«Matteo Richetti, il presidente dell’Assemblea regionale dell’Emilia-Romagna, che ha tolto le pensioni ai consiglieri: l’unico. Ci voleva un genio? Si può dire che i parlamentari devono dimezzarsi lo stipendio, o è demagogia?».

In quali altri partiti ha militato?
«Nella Margherita. Tanto per spiegarle che cosa vuol dire essere nuovi in politica: io nella scheda elettorale non ho mai trovato né la sigla del PCI né quella della DC. In compenso ho sempre trovato Berlusconi, che ha cinque anni meno di mia nonna: se ci penso, è sconvolgente».

Quando è iniziata questa sua passione?
«A scuola, grazie agli scontri con un professore fascista che ci divertivamo a provocare per evitare le interrogazioni».

Chi erano i suoi politici di riferimento?
«Il mito assoluto era Bob Kennedy. Dei più recenti mi piace Blair: sulla guerra ha preso posizioni non condivisibili, ma è l’unico che ha fatto vincere la sinistra in Inghilterra. E poi Obama».

Italiani?
«Chi c’era da noi? Occhetto, Martinazzoli?».

De Gasperi, Berlinguer?
«Non credo che in Italia ci sia mai stato un politico in grado di suscitare i sogni e le passioni suscitati, altrove, dai personaggi che ho citato».

Lo ha letto il Capitale di Marx?
«A scuola, forse, ma in modo molto superficiale. Leggo Bauman, Dahrendorf, e Maffesoli, un sociologo francese: ha scritto sul lavoro pagine che farei leggere ai parlamentari del PD».

I dirigenti che lei vorrebbe rottamare non perdono occasione di rivendicare la qualità della loro formazione culturale. C’è chi ha studiato alla Normale di Pisa.
«Chi, scusi?».

D’Alema, per esempio.
«Ma se non si è nemmeno laureato, di che si ragiona? Un giorno, riferendosi ai giovani, mi ha detto: “Dovrebbero venire a leggere dei libri”. Questa idea che soltanto loro abbiano letto un libro è insopportabile. Sfido D’Alema a un dibattito su Dave Eggers, il mio scrittore preferito».

Si considera colto?
«Ho, per leggere, meno tempo di quello che vorrei. Cerco di essere preparato sulle cose che faccio, leggo documenti, soprattutto testi tecnici».

A scuola come andava?
«Mai stato un secchione. In condotta non superavo l’8, e un anno sono stato rimandato».

Però ha preso sessanta alla maturità.
«Bellissimo esame. Mi lanciai in una “supercazzola” su un critico di Dante, un certo Bovoli. Bovoli in realtà era il cognome di mia mamma, me l’ero inventato. Se le cose le dici con la faccia convinta, nessuno ha il coraggio di smentirti».

Non è l’atteggiamento che ti aspetteresti da uno scout.
«Infatti mi ritrovo solo parzialmente nel cliché del bravo ragazzo – il “pissero”, come dicono a Firenze – che mi hanno cucito addosso. Una ragazza su Facebook mi ha scritto: “Non ti avrei votato perché ho l’immagine di te che suoni la chitarrina e fai il bivacco”. Gli scout sono anche questo. Ma non solo. È un’esperienza che mi ha insegnato – prima come lupetto e poi come capo – a vivere i sentimenti con intensità, a non essere anestetizzato».

Perché è andato agli scout?
«Nel nostro paese, Rignano sull’Arno, meno di seimila abitami, non c’erano molti altri centri di aggregazione. Tempo fa mi ha chiamato un amico giornalista, aveva letto in una statistica che la maggioranza dei ragazzi ha provato le prime esperienze forti (sesso, droga) proprio agli scout. Mi ha detto: “O bischero, eri in minoranza anche lì”».

Ha molti amici ex scout?
«Di quelli carissimi, tre su dieci. In campagna elettorale, durante un incontro all’Arcigay, si alza uno e fa: “Io e te s`è dormito in tenda insieme”. Gelo. Lì per lì non l’avevo riconosciuto: eravamo stati agli scout insieme».

Con le ragazze aveva successo?
«Alti e bassi, ma non ne parlo neanche sotto tortura. Decisiva nella mia vita è stata la scelta di sposarmi abbastanza giovane: non credo che mi sarei impegnato così presto in politica senza quel passaggio. Avevo 24 anni e Agnese veniva da un’esperienza simile alla mia».

Scout anche lei?
«Sì, gli scout sono una grande agenzia matrimoniale, ci sposiamo tra noi. I nostri figli ne subiranno le conseguenze».

Tre figli: 5, 8 e 10 anni.
«Avendo anch’io genitori giovani con cui ho sempre avuto libertà di dialogo, sono felice di essere diventato babbo presto. Anche se, come tutti i padri che sono poco a casa, vivo di sensi di colpa».

Che tipo è sua moglie?
«Un’insegnante precaria appassionata del suo lavoro, ma convinta che la nostra famiglia sia la cosa più importante. Discutiamo spesso su come e quanto sto con i bambini; da questo punto di vista non è felicissima che io faccia il sindaco».

Non ha mai rimpianti per essersi perso un po’ di giovinezza?
«Credo che l’amore sia una scelta: per me, come per Pascal, il cuore è l’organo della ragionevolezza, non del trasporto. Ogni giorno troverai una persona più affascinante e intrigante e sexy di tua moglie o di tuo marito. C`è solo un modo per essere fedeli: riscegliere ogni giorno tua moglie o tuo marito».

Che cosa pensa della condotta privata di Berlusconi?
«Penso che il problema, al di là della tristezza per il livello a cui siamo scesi, è il modo che ha la destra di considerare la donna. Nel resto del mondo, due donne guidano l’economia più in crescita delle Americhe – il Brasile – e d’Europa – la Germania. Noi siamo fermi a una visione da commedia anni Settanta».

Il problema, ne converrà, è anche un altro. Berlusconi ha chiesto il voto agli elettori cattolici, partecipato al Family Day, promesso alle gerarchie ecclesiastiche la difesa dei valori cristiani.
«Ognuno risponde alla propria coscienza e ai propri elettori. Per quanto riguarda le gerarchie ecclesiastiche, spero che il mondo cattolico esca, a destra come a sinistra, da una visione politica basata sul do ut des. Bisogna tornare a votare chi esprime certi valori, non chi promette i soldi alle scuole private e l’esenzione dall’Ici».

Lei è cattolico: la fede quanto condiziona la sua visione politica?
«Come sindaco agisco da laico, perché rispondo ai cittadini. E trovo vergognoso l’atteggiamento della politica verso la Chiesa, anche a sinistra: se un vescovo parla di bioetica gridano all’ingerenza, se invece condanna il bunga bunga ecco che D’Alema dice a Fisichella: “Prego, ingerite pure”. E che dire della Lega? Papa Ratzinger una volta ha detto: “Gesù Cristo è un clandestino”. Una frase meravigliosa, ma nessuno se l’è filato».

Che cosa pensa della fecondazione assistita?
«Trovo il dibattito molto ideologico: ci devono essere dei limiti, se no si arriva all’eugenetica, ma si devono aiutare, fin dove la scienza lo permette, le coppie con problemi a procreare. Bisogna però saper accettare anche dei no: se ci provi otto volte e non va, devi farti una ragione che nella vita non si può avere tutto. Non esiste il diritto a un figlio a ogni costo».

Diritti per le coppie gay?
«Sono per riconoscere loro i diritti patrimoniali e anche alcuni diritti civili, come quello all’assistenza in ospedale. L’idea dell`adozione non mi convince».

Eutanasia?
«Credo sia sbagliato santificare la vicenda Englaro e non parlare di tutte le mamme e tutti i babbi che invece decidono di portare avanti la vita dei loro figli. Ci sono casi – penso a Terry Schiavo – in cui secondo me si sono superati i limiti. Ma da che mondo è mondo le famiglie si sono sempre organizzate da sole. I nostri bisnonni portavano i bambini nella stanza del moribondo per far loro capire che la morte fa parte della vita. E, quando si poteva aiutarlo a soffrire di meno, si chiamava il medico e lo si faceva. Guardandosi negli occhi, non ricorrendo a battaglie ideologiche».

L’ha vista la puntata di Fazio e Saviano dedicata a questo tema?
«In parte. Fazio e Saviano, che per moltissime cose mi piacciono, hanno un programma un po’ troppo album di famiglia di una certa sinistra rassicurante. Quello non è lo specchio del Paese».

Che cosa vuoi dire?
«C’è una parte della sinistra che sta bene con se stessa, e che è convinta di rappresentare tutti gli italiani, ma non è vero. Ci sarà un motivo se da anni in Italia vince Berlusconi. Io non l’ho mai votato, è quanto di più lontano ci sia dalla mia esperienza personale e culturale: mi ci vede a fare il bunga bunga? Però sono d’accordo con Severgnini quando dice che Berlusconi è l’autobiografia di molti italiani. Io sogno una sinistra che vinca le elezioni, ma che soprattutto sappia convincere gli elettori: così, per una volta, il giorno dopo non devi stare a mettere insieme tutti, da Mastella a Veltroni».

Se si andasse a elezioni anticipate che cosa dovrebbe fare il centrosinistra?
«Se parliamo di bunga bunga e società off shore perdiamo, se proviamo a raccontare un’altra Italia possiamo vincere, ma si devono superare i tabù: dall’intoccabilità del sindacato alla convinzione che l’imprenditore sia un nemico».

Dopo Firenze, farà politica nazionale?
«C’è ancora tempo. E vorrei che si cambiasse la legge elettorale: le persone devono essere scelte dai cittadini, non dalle segreterie di partito».

È favorevole al federalismo fiscale?
«È un primo passo. Se passa per i Comuni sono felice, perché mi arrivano più soldi. Firenze da a Roma più di quanto riceva».

La sua visita ad Arcore è stata molto criticata.
«Pazienza per la solita sinistra che ha gridato al traditore: ci tornerei domani. Ci sono andato da sindaco che va dal presidente del Consiglio per chiedergli di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale per Firenze. E a pranzo c’erano solo i suoi figli, Barbara, Eleonora e Luigi».

Che impressione le ha fatto, umanamente, Berlusconi?
«Di un uomo solo. Ha fatto di tutto, e dappertutto ha vinto. Ma quando arrivi a certi livelli la solitudine rischia di essere un brutto problema. Pensi che faccia deve aver fatto, leggendo le intercettazioni, nello scoprire che non solo le ragazze facevano valutazioni sulle sue natiche, ma che forse persino Emilio Fede gli ha fatto la cresta».

Barbara Berlusconi, proprio su questo giornale, ha espresso parole di stima per lei.
«Mi è sembrata una “tosta”, e il suo apprezzamento mi ha fatto piacere. Gol in trasferta vale doppio».

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

9 comments to Vi dico io qualcosa di sinistra

  • ELENA Fabbri

    Mi complimento con il Consigliere Zoffoli per linteressante, puntuale ed efficace intervista pubblicata. E’riuscito (soprattutto chi l’ha fatta e scritta) a farmi stare incollata al testo quando accanto ho un bimbo di soli 5 mesi che mi sorride e mi “chiama”…….Mi fa molto piacere, a tal proposito, aver incontrato il buon Damiano al convegno organizzato da AFI a Forlì, nel quale anch’io come mamma e pedagogista ero presente. Apprezzare quel poco di buono che ancora esiste nella politica di oggi e del nostro territorio è cosa alquanto difficile..Solo i fatti di chi ha deciso di amministrare la cosa pubblica e non gli slogan possono renderla più sopportabile! Lei,a mio modesto parere, è sulla buona strada!
    Cordialità

  • Paolo Zammarchi

    Ringrazio Damiano Zoffoli per la bella intervista che mi ha permesso di conoscere più da vicino il pensiero e la personalità di Matteo Renzi: un politico davvero nuovo, non in quanto giovane ma perchè si rivela come un uomo vero, sincero ed appasionato, che dichiara apertamente la propria identità cristiana senza ostentarla nè vergognarsene, che non parla politichese, che dice quel che pensa senza ipocrisie, che guarda al futuro. Insomma, una bella ventata di aria fresca, di cui c’era e c’è bisogno!
    Condivido in gran parte le idee di Matteo Renzi; mi permetto solo di rivolgergli un piccolo suggerimento: mostrare un pizzico di umiltà in più e trasmettere (da bravo comunicatore qual’è) l’idea che la passione da sola non basta per nobilitare la politica, che è necessaria anche tanta fatica e,soprattutto, spirito di servizio! Auguri.

  • william

    Non mi dispiacerebbe approfondire tante cose con il Sindaco di Firenze. Mi chiedo come faccia a fare il Sindaco di una città così importante e ad essere così presente sulla scena nazionale con tanto di presentazione di libri. Io sono abituato agli standard di Damiano e quindi mi auguri che si impegni in modo altrettanto intenso per la sua città. L’intervista è bella, con lui vorrei soffermarmi su come far diventare il Partito Democratico un vero luogo di confronto e su come si dovrebbero rinnovare gli organi dirigenti. Ha citato negativamente Martinazzoli ma nel 1993 il Partito Popolare con Segni e i repubblicani raccolse il 16% dei voti. Non lascerei cadere la riflessione su quegli anni. non so come fa a dire che lui con il federalismo fiscale ci guadagna (ad oggi solo una sfera di cristallo può restituire dei dati). Io non sarei andato a casa di Berlusconi per il Comune di Firenze… Se da Sindaco invita un fiorentino a casa sua dopo non può mica dir di no a tutti quelli che glielo chiedono….

  • Gustavo Baronio PDL

    Bravo Damiano,
    Renzi mi piace molto, per fortuna ce ne sono pochi di Dirigenti coime lui nel PD, altrimenti alle prossime elezioni ci stracciate!
    “Se parliamo di bunga bunga e società off shore perdiamo, se proviamo a raccontare un’altra Italia possiamo vincere” Questo non fa pubblicità continuamente al Berlusca come Di Pietro o Bersani, questo è pericoloso…
    Verrò volentieri a sentilo.
    Gustavo

  • walter

    No, questo Renzi non mi piace. Troppo pieno di sè e spregiudicato nel liquidare uomini e storia. Sarà sen’altro efficiente nell’amministrare la sua città, anche se non sono al corrente del parere dei suoi cittadini. So che i sindaci hanno tanto da fare. Se il nostro Renzi trova anche il tempo di scrivere libri, andare a presentarlo nelle città italiane, passare ad Arcore fermandosi a cena è proprio un fenomeno dci efficienza. Ma anche Berlusconi è un fenomeno di efficienza…. ma non mi piace!!

  • Fringui

    Ecco uno dei pochi ‘illuminati’ del Pd. Il sindaco di Firenze è uno con le idee chiare e ha il coraggio di esprimerle. Soprattutto non è uno di quei giovani ‘inquadrati’ , un ‘pollo di batteria’,il cui obiettivo è quello di asservirsi agli interessi di partito per fare carriera. Purtroppo a Cesena di giovani così ce ne sono davvero tanti.

  • onofri dario

    E’ ora di voltare pagina nel PD, il rinnovamento è fondamentale per poter riemergere dal magma in cui ci troviamo. La vecchia politica rappresentata dai soliti fermi li da decenni, non è più credibile, ecco perchè continua e continuerà a vincere Berlusconi. Matteo Renzi è l’asso nella manica che abbiamo, ma che i vecchi baroni lo guardano in cagnesco come un rivale : con Matteo possiamo sperare in un percorso fattibile e credibile,con i soliti sarà solo agonia, per il partito, per la sinistra ed il paese.

  • Maurizio

    Ben venga Renzi, bisogna far capire che ci interessa la Politica, il Bene Comune e non la Poltrona, basta con le solite persone che dicono le stesse cose ormai da 20 anni …