Più prestazioni gratuite al pronto soccorso

Aumenteranno, da maggio, le prestazioni di pronto soccorso che non prevedono il ticket.

Le nuove esenzioni sono state approvate ieri dalla Giunta regionale, sulla base dell’esperienza maturata e delle conclusioni di un gruppo di lavoro istituito per monitorare l’applicazione della DGR n. 1035 del 2009, che indicava le prestazioni di pronto soccorso considerate appropriate e quindi esenti dal pagamento del ticket.

Si è ritenuto – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli di aggiungere ulteriori condizioni di esenzione dal pagamento del ticket per pazienti che presentano quadri patologici, come una colica renale, una crisi d’asma, un dolore toracico, che sono da affrontare urgentemente in pronto soccorso e che non possono essere demandati a una richiesta di visita specialistica urgente da parte del medico curante o di altro specialista del Servizio sanitario regionale“.

Il nostro obiettivo è sempre quello di assicurare con certezza, gratuitamente, in modo omogeneo e trasparente in tutta la Regione, gli interventi assistenziali che effettivamente abbisognano di essere affrontati in pronto soccorso; al tempo stesso, l’altro obiettivo continua ad essere quello di favorire un corretto uso dei servizi di pronto soccorso per non intasarli con accessi inappropriati” ha dichiarato l’Assessore regionale Carlo Lusenti, ricordando che il pagamento del ticket resta in vigore, così come previsto dalla DGR n. 1035, per chi ha ricevuto una valutazione di accesso non appropriata da parte del medico del pronto soccorso dopo l’intervento assistenziale prestato.

Dunque, queste saranno le nuove condizioni patologiche che danno diritto all’esenzione dal pagamento del ticket: colica renale, crisi di asma, dolore toracico, aritmie cardiache, glaucoma acuto, corpo estraneo oculare, sanguinamento dal naso, corpo estraneo nell’orecchio, complicanze di intervento chirurgico che determinano il ricorso al pronto soccorso entro 3 giorni dalla dimissione ospedaliera, problemi e sintomi correlati alla gravidanza.

Tali condizioni si aggiungono all’elenco di prestazioni esenti dal pagamento del ticket fin dal settembre 2009: prestazioni erogate in OBI (Osservazione Breve Intensiva) per situazioni cliniche che necessitano di un iter diagnostico-terapeutico di norma non inferiore alle 6 e non superiore alle 24 ore, prestazioni seguite da ricovero, prime prestazioni riferite a trauma con accesso al pronto soccorso entro 24 ore dall’evento, prestazioni riferite a trauma con accesso al pronto soccorso oltre 24 ore dall’evento nei casi in cui si dia contestualmente corso ad un intervento terapeutico, prestazioni riferite ad avvelenamenti acuti, prestazioni erogate a minori di età inferiore a 14 anni, prestazioni riferite a infortuni sul lavoro, prestazioni richieste da medici e pediatri di famiglia, da medici di continuità assistenziale (guardia medica) e da medici di altro pronto soccorso, prestazioni riferite a persone straniere temporaneamente presenti (STP) se indigenti ed ai sensi della normativa vigente, prestazioni riferite a soggetti esenti per patologia e/o reddito e altre condizioni previste dalla normativa vigente. È opportuno ricordare che i codici colore assegnati al momento dell’accesso al pronto soccorso definiscono solo le priorità di accesso e non sono un criterio per definire la eventuale compartecipazione alla spesa.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Più prestazioni gratuite al pronto soccorso

  • Livio Ceccarelli

    Condivido ed apprezzo l’iniziativa per l’aumento delle prestazioni di Pronto Soccorso che non prevedono il ticket. Mi spiace che in questo nuovo elenco non sia stato inserito l’esenzione per le manifestazioni orticariodi acute, manifestazioni pericolose ed insopportabili non indicate per un percorso alternativo.

  • ceccarelli mirella

    Sono d’ accordo con la richiesta di Livio Ceccarelli, per l’ ampliamento delle prestazioni del pronto soccorso, con l’ esenzione del ticket, per crisi orticariodi acute avendo provato in passato esperienze di questo tipo che sono dolorose e insopportabili se non risolte nel breve periodo.
    Grazie per l’ attenzione ed eventuale disponibilità a questi aspetti del pronto soccorso.