Accelerare il confronto sulla normativa sismica, per ridurre la burocrazia e i costi

La Commissione Territorio Ambiente Mobilità, riunitasi questa mattina, ha affrontato, tra le altre cose, il monitoraggio della prima attuazione della Legge regionale 30 ottobre 2008, n. 19 Norme per la riduzione del rischio sismico e degli atti di indirizzo.

La nostra Regione ha, infatti, avviato un processo di revisione degli atti di indirizzo emanati lo scorso anno (DGR 121/2010, DGR 1071/2010, vademecum) che prevede una serie di incontri tematici sui punti più contradditori della materia sismica riguardanti le varianti, la documentazione da presentare presso gli uffici, gli interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità e, più in generale, su tutta la modulistica.

A tal fine, nell’ambito del Comitato regionale per la riduzione del rischio sismico (Crerrs), si sta svolgendo un confronto sistematico con i Collegi e gli Ordini professionali, le varie associazioni di categoria e anche altri soggetti, come gli ex Geni Civili.

In sede di Commissione, proprio su proposta del Presidente Zoffoli, si era deciso di chiedere una riduzione, da un anno a sei mesi, della fase di monitoraggio e sperimentazione degli atti di indirizzo della Legge regionale n. 19 del 2008.

“A mio avviso, le complesse normative di cui sopra, entrate in vigore a luglio scorso in recepimento della Legge nazionale sulla sismica, costringono anche chi vuole fare piccoli lavori in casa ad una serie eccessiva di passaggi burocratici e a costi tecnici troppo onerosi. Con la conseguenza che i cittadini finiscono per adottare tecniche “fai da te”, stimolando quindi l’abusivismo. Il provvedimento, nell’attuale fase, rischia poi di avere ripercussioni dannose sul comparto edile, già gravemente provato dalla crisi economica. Sono soddisfatto del lavoro e dell’impegno dell’Assessore regionale alla sicurezza territoriale, difesa del suolo e della costa, protezione civile, Paola Gazzolo, che ha riferito alla Commissione che, anziché aspettare il completamento dell’intero processo di revisione, si procederà ad applicare le modifiche sui singoli atti, per mantenere gli impegni presi e accelerare i tempi” dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.