Renzi riempie il “Verdi” di Cesena: “Basta fare panchina, la politica ha bisogno di nuovi giocatori”

RomagnaOggi.it – 4 aprile 2011. Articolo di Piero Ghetti.

Domenica tutta cesenate per il sindaco di Firenze Matteo Renzi. Prima allo stadio “Manuzzi” a tifare Fiorentina, impegnata proprio contro il Cesena (la partita è finita 2 a 2), e poi al teatro Verdi, in via Sostegni, per presentare il suo libro “Fuori!”, edito da Rizzoli. Che Renzi, già etichettato come il “rottamatore” dei politici di lungo corso, fosse anche un gran comunicatore, era noto. Ieri pomeriggio, il sindaco fiorentino ha dimostrato dal vivo tutto il bene che si sente dire sul suo modo di intendere la politica.

Intanto il suo approccio con gli almeno 200 “supporter” (è un termine calcistico) intervenuti al Verdi: Renzi si è espresso teatralmente, sulla base di un copione collaudato, sostenuto anche dal determinante contributo di immagini e dalla colonna sonora dei Muse “Resistence”.

Dopo la breve presentazione del Consigliere regionale del PD Damiano Zoffoli, l’organizzatore della kermesse renziana in terra cesenate, il sindaco gigliato si è letteralmente impadronito della scena, catturando l’attenzione dei presenti in una sorta di comizio all’americana.

Il libro “Fuori!” è un compendio del Renzi-pensiero, in grado di illustrare “i sogni, le idee, le speranze di una nuova generazione”. “Penso – è il suo esordio – che la politica sia una cosa buona. Mi spiego: tutti coloro che si sentono di spendere qualcosa per gli altri e per la collettività, devono essere messi in condizione di farlo“. L’Italia è un paese stupendo e unico nel suo genere, ma anche insolito e autolesionistico: uomini che sono in politica da 30 anni non pensano minimamente a ritirarsi. “Sempre usando una perifrasi calcistica, da noi un’intera generazione è costretta alla panchina, mentre in campo continuano a giocarsela i campioni di un tempo”.

Sul maxischermo scorrono le immagini del discorso che il senatore americano Bob Kennedy tenne negli Usa il 18 marzo 1968, poco prima di essere ammazzato. Renzi è chiaro: “Occorre costruire nuovi modelli interpretativi delle società e delle economie nazionali che non sia il solito Pil”. Lo stesso Bob Kennedy era stato chiaro: “Il Prodotto Interno Lordo misura tutto, eccetto ciò che rende la vita meritevole di essere vissuta“. Renzi lancia anche una serie di immagini di raffronto con i paesi occidentali, che la dicono lunga sul mancato rinnovamento della scena politica italiana. Prendiamo tre anni precisi, 1994, 2001 e 2009. Negli Usa, in Inghilterra, in Francia e in Germania al potere si sono succeduti volti e partiti nuovi. In Italia, a reggere le redini del Governo troviamo sempre Silvio Berlusconi.

Attenti, che se il Cavaliere è ancora lì, la colpa è anche della Sinistra che non riesce proprio a proporre qualcosa di nuovo. Se nel 1994 – continua Renzi – all’interno del Centrosinistra fu una questione fra Veltroni e D’Alema, tanto nel 2001 quanto nel 2009 è stata una disputa fra l’uomo di Veltroni e quello di D’Alema”. Il sogno di Renzi è riuscire a rompere l’antipolitica, la concezione ormai stratificata negli italiani di tutte le età che “i politici sono quelli che rubano”. Non solo in Italia si è persa fiducia nella politica, ma si è alzata bandiera bianca all’idea di non aspettarsi niente di meglio da chi ci governa. Chi sono quelli che, secondo “il rottamatore”, dovrebbero accomodarsi fuori? “Tutti, a cominciare dal mio partito. Ovunque, in tutto il quadro politico che siede nei posti chiave, manca una visione d’insieme”.

Renzi cavalca il sogno dei trentenni come lui che riescono a giocarsela in politica. L’ultimo mito renziano a comparire sul grande schermo è Barack Obama, il primo presidente di colore nella storia degli Stati Uniti, l’evidenza che “se un paese dialoga e si confronta sulle idee, i muri dell’antipolitica possono cadere“. Nel video, Obama interviene a Tucson, in Arizona, per ricordare le vittime della strage dell’8 gennaio scorso, fra cui Cristina, di appena 10 anni. Come il presidente americano, Renzi si sente in dovere di riproporre l’idea della bellezza della democrazia. “La politica deve essere quella cosa che serve per mantenere vive le aspettative dei bambini, quelli che incontro tutti i martedì nelle scuole della mia città. Adesso tocca a noi – conclude – ridare fiato al PD, ma soprattutto ridare slancio all’Italia“. Basta coi ristagni e la mediocrità di certa politica: dimezziamo i parlamentari e le loro indennità, no ai vitalizi politici. Insomma, per farla breve e ritornare al suo libro: “Tutti fuori!”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Renzi riempie il “Verdi” di Cesena: “Basta fare panchina, la politica ha bisogno di nuovi giocatori”

  • Simone Gentili

    Oggi il mondo è veloce. I padri non comunicano con i figli. Non vogliono o non sanno più farlo. Così i padri rimangono agganciati alle varie poltrone. Un po’ perchè ne hanno voglia, un po’ perchè si sono dimenticati di parlare ai figli. Un po’ perchè i figli hanno perso l’abitudine di domandare. Ma chi doveva insegnare loro come si fa? Io penso che dobbiamo smetterla di puntare il dito sulle conseguenze e dobbiamo iniziare a guardare alle cause. Penso questo da relativamente poco tempo. Da poco tempo mi sono attivato. Io però sono un figlio, i padri che dovrebbero tramandarci la passione politica sono pochi e poco ci parlano. Danno per scontato. La crisi della comunicazione arriva da chi ha smesso, non da chi non ha mai potuto iniziare. Il cambiamento deve essere nei modi, non nelle persone. I MODI sono l’errore, non le persone.

  • claudia

    è stato molto bravo, ha allestito una sorta di one man show da piccolo obama de’ noi altri!
    mi sono complimentato per “l’uomo di teatro” che è dentro di lui, così pure per la regia che, a parte qualche dilungaggine, è stata molto valida.
    e lui è un giovane uomo che sa dare la carica
    ciao

  • GIOVANNI ZOLI

    Renzi ridà la carica e la voglia di fare politica alle giovani generazioni che non hanno un rappresentante politico generazionale a sinistra di un paese completamente ingessato dal Berlusconismo e dall’antiberlusconismo…
    e meno male che è rimasto dentro al PD…..sarà una grande, bella e colorata bandiera

  • Casadei Giampiero

    Dice la bambina fiorentina:“… i politici sono quelli che rubano…”. E’ vero, ma non tutti… devo distinguere… quantomeno fra politici nazionali e locali… Renzi è il Sindaco d’Italia più apprezzato dai suoi elettori, canta fuori dal coro, mi par più credibile… i dirigenti PD mi par si pieghino verso andazzi berlusconiani… Quindi contrasteranno i Renzi, che dovranno appoggiarsi solo sulla base. Vorrà, potrà, riuscirà a farlo? Lo spero!… Questa classe politica vuol mettere le mani sui beni pubblici, farci sopra una cresta sempre più alta, a vantaggio proprio e della propria consorteria. Temo che il PD ne resti coinvolto, perché riprovevoli proposte legislative berlusconiane sono raccolte anche da pregresse idee del centro-sinistra, come le liste elettorali bloccate inventate dal PD toscano, ma anche altro…. Per tosare le sue pecore, questa classe politica mi par operi su due piani, uno legale, alla luce del sole, ed uno illegale, nel buio della notte… Il bottino che attinge legalmente è per l’ampia retribuzione e i tanti privilegi autodeterminati, la moltiplicazione degli incarichi pubblici di un singolo, il conseguente numero crescente di ruoli, poltrone, deleghe, consulenze che i politici s’inventano. Sul punto Renzi si propone di dimezzare il numero dei parlamentari, e poi dimezzare le loro retribuzioni, eliminare i vitalizi, eliminare le province, sostituendole con un congresso dei Sindaci. Mi par un buon inizio. Ma, sul bottino attinto sotto il tavolo, molto maggiore del precedente, cosa dice e propone Renzi? I costi standard delle regioni del sud, per le malversazioni, sono 4-5 volte superiori agli standard nazionali… qui c’è la mafia…. Ma i costi standard nazionali degli appalti pubblici, autostrade, ferrovie e quant’altro, in Italia sono 3-4 volte (e più) degli europei, come denunciò il Ministro (impotente) dei lavori pubblici del governo Prodi… parlava a sordi… infatti tutte le forze politiche, incluso il PD, neppure denunciano questa enorme dissipazione dei soldi di noi sudditi, come se traessero la loro parte… dunque, anche a Roma c’è una mafia da debellare?… di questo ancor più soffro… A Cesena 1,2 km del lotto zero della secante, pianeggiante e senza gallerie, dall’Anas, capofila di un consorzio con tutti gli istituti territoriali, è stato appaltato per 24,8 milioni di euro (ma è solo per iniziare… alla fine quanti saranno?…) Se fosse fatto dai francesi, con i loro parametri, costerebbe più o meno 10 milioni. Allora mi chiedo: “in quali tasche vanno gli altri 14 milioni di euro?…” Matteo Renzi è avvertito di questo grido?… a Firenze come vanno queste cose?… ci sono parametri dei costi di appalti comunali, che consentano un confronto con quelli italiani ed europei?… come, cosa si propone di fare per contrastare questo depredare, e utilizzare queste enormi risorse per i molti bisogni del paese?… oggi, come ieri, per tamponare si continua a raschiare ancor più le tasche dei sudditi, per lasciar indenni i meccanismi con cui ci si appropria del latte che pecore sempre più spremute danno. Sul punto, non so quale sia il programma di Renzi… se qualcuno sa, mi aiuti… Grazie.