Cancro batterico del kiwi, risoluzione bipartisan in Regione

Contrastare la diffusione della fitopatia e garantire la sopravvivenza della coltura dell’actinidia, che mette a rischio il comparto produttivo della frutticoltura faentina.

È stata presentata in Regione una risoluzione bipartisan, primi firmatari i consiglieri Mazzotti (PD) e Bazzoni (PDL), con il consenso di tutti i Consiglieri romagnoli, che impegna la Giunta regionale a porre in essere tutte le misure necessarie per contrastare la diffusione del “cancro batterico dell’actinidia”, una fitopatia particolarmente aggressiva con le coltivazioni di kiwi e che sta provocando gravissimi problemi alle aziende produttrici del settore.

La Regione Emilia-Romagna infatti, e nello specifico l’area del faentino, è una delle zone del mondo dove la coltivazione del kiwi è maggiormente diffusa e, nonostante la grave crisi della frutticoltura degli ultimi anni, il kiwi è l’unico frutto che ha continuato a determinare un reddito interessante per gli agricoltori, creando un indotto enorme per tutto il settore.

L’unica forma di lotta attualmente disponibile alla diffusione della fitopatia è rappresentata dal costante controllo degli impianti e dalla tempestiva distruzione delle piante colpite, con conseguenti e gravissimi danni economici alle imprese coinvolte.

“La Regione Emilia-Romagna – sostiene la risoluzione – già dal 2010, attraverso la Legge regionale n. 6 del 2010, ha impegnato circa 600.000 euro per indennizzare le aziende colpite e incentivare la tempestiva estirpazione delle piante infette.
Il problema però è molto complesso: ci sono segnalazioni di nuovi focolai, a livello regionale, nazionale ed internazionale e solo interventi fortemente coordinati fra loro sull’intero territorio nazionale possono garantire la sopravvivenza di un comparto produttivo di grande interesse economico”.

La risoluzione conclude chiedendo che il Governo nazionale, attraverso le risorse attualmente disponibili presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, avvii rapidamente una serie di progetti di ricerca e sperimentazione, finalizzati alla conoscenza della biologia del patogeno ed alla messa a punto di metodi di contrasto sostenibili, individuando risorse certe e modalità di erogazione tempestive per garantire adeguati indennizzi finanziari per contrastare la diffusione della fitopatia e garantire la sopravvivenza di questa coltura, oltre a sostenere presso l’Unione Europea l’esigenza di un intervento straordinario.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.