Wi-Fi e banda larga: presentata una risoluzione per la copertura dell’intero territorio regionale

Una risoluzione, presentata da alcuni Consiglieri regionali del PD, impegna la Giunta regionale, tramite il supporto di Lepida SpA, ad elaborare una programmazione tecnico-economica che, partendo da un’analisi aggiornata dello stato del digital divide in Emilia-Romagna, proponga soluzioni che consentano la copertura totale del territorio, con banda larga di prima generazione, entro il termine della Legislatura.

Nel testo si sottolinea che la Regione Emilia-Romagna è da tempo impegnata a garantire la diffusione della comunicazione basata sui mezzi informatici e dei servizi connessi alla banda larga su tutto il territorio regionale, tramite il Piano Telematico Regionale.

Ad oggi, infatti, il servizio minimo a banda larga (connessione di almeno 2 Mb/s) copre l’88% netto della popolazione regionale (il dato lordo è pari al 96,9%) ed i Comuni in totale digital divide sono diminuiti, negli ultimi anni, da 61 a 5.

“Nonostante gli apprezzabili risultati ottenuti – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – è necessario procedere alla copertura dell’intera popolazione regionale, con particolare attenzione alle zone montane, dove ancora oggi il 32,9% dei residenti non ha accesso alla banda larga e proseguire nella realizzazione di una rete in grado di supportare le esigenze delle imprese, attraverso l’estensione della copertura della banda larga di seconda generazione, che prevede un servizio superiore ai 7 Mb/s”.

Infine, la risoluzione, anche a seguito delle recenti modificazioni normative che consentono ai pubblici esercizi ed ai privati l’uso dei servizi gratuiti Wi-Fi, impegna la Giunta a realizzare un servizio Wi-Fi ad accesso gratuito, diffuso in tutti i Comuni della Regione.

È possibile scarica il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.