Sarà possibile, previa autorizzazione, tagliare arbusti e legna lungo i corsi d’acqua, senza dover pagare alcun canone

La Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” della Regione Emilia-Romagna ha dato parere favorevole, questa mattina, alla delibera di Giunta che aggiorna alcuni canoni di concessione per aree del demanio idrico, revisione prevista dalla Legge regionale n. 7 del 2004.

Una delle novità più significative che la delibera introduce è il fatto che, chi chiede l’autorizzazione al taglio selettivo di arbusti e legna lungo i corsi d’acqua, non deve pagare nulla se da quest’attività derivano vantaggi idraulici ed economici per l’Amministrazione pubblica.

Il servizio competente potrà quindi rilasciare un’autorizzazione senza richiesta di canone, considerandolo come un intervento volontario di manutenzione del corso d’acqua, anche qualora il richiedente non sia un frontista.

La collaborazione dei cittadini alla tutela idraulica del proprio territorio costituisce un valore aggiunto per la comunità e un risparmio per i nostri Comuni costretti, in questi tempi, a fare i conti con la difficoltà di chiudere i propri bilanci, in una situazione di pesanti tagli ai trasferimenti dello Stato. Questa possibilità è un piccolo esempio di sussidiarietà e costituisce una buona pratica locale” dichiara il Presidente della Commissione, Damiano Zoffoli.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.