“LA FAMIGLIA PER UNA SOCIETÀ PIÙ SOLIDALE”

Ragioni e contenuti di una politica della famiglia per il futuro dell’Emilia-Romagna.

La famiglia cambia. Cambia la società. Come può e dovrà cambiare anche il sistema di welfare per supportare al meglio le evidenti ricadute sulla vita di tutti noi?

Questa riflessione sarà al centro dell’iniziativa promossa dal Forum delle Associazioni Familiari Emilia-Romagna, in programma lunedì 11 aprile (dalle ore 9 alle 17) 2011, presso la Sala Polivalente della Regione Emilia-Romagna (viale Aldo Moro, 50).

Una riflessione sulle ragioni che giustificano una politica della famiglia nell’attuale situazione sociale ed economica, tenendo conto dell’andamento demografico e nella prospettiva di una maggiore autonomia delle Regioni e degli Enti locali.

“Partendo dalla lettura della situazione demografica e familiare della nostra Regione, e da un richiamo ai provvedimenti legislativi, fino ad ora assunti in Emilia-Romagna, riguardo alla famiglia, – spiega Ermes Rigon, Presidente del Forum regionale delle Associazioni Familiari – vorremmo passare alla presentazione di alcune esperienze di buone pratiche familiari in ambito locale e successivamente all’individuazione del ruolo sociale della famiglia, con particolare riferimento alle giovani coppie e alle reti familiari. Vorremmo anche evidenziare il ruolo economico della famiglia nella prospettiva di una economia più comunitaria e solidale. E, a conclusione del seminario, vorremmo proporre possibili linee di politica familiare anche alla luce delle esperienze in atto in altri Paesi europei”.

La presenza qualificata dei relatori (Proff. Riccardo Prandini, Paola Di Nicola, Stefano Zamagni, Francesco Belletti) e le testimonianze di “buone pratiche” già avviate in Comuni e Province emiliano-romagnoli e di Regioni vicine, rendono attraente e innovativo il convegno.

È possibile scaricare il VOLANTINO con il programma dettagliato del seminario cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.