Maggiori possibilità, dall’estate 2011, per chi viaggia in treno con bici al seguito

Un servizio in più per i turisti della grande metropoli che si viene a creare lungo la costa, tra Ravenna e Rimini, e per togliere auto dalla super trafficata Statale 16

A disposizione, dall’estate 2011, più treni per il trasporto di bici al seguito. È quanto afferma l’Assessore regionale alla Mobilità e Trasporti, Alfredo Peri, in risposta ad una interrogazione del Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

“Relativamente all’estate 2011 un servizio serale/notturno – si legge, infatti, nel testo della risposta – con possibilità di trasporto di bici al seguito verrà offerto tra Rimini e Ravenna. È di pochi giorni fa il raggiungimento di un accordo tra FER e Trenitalia che assegna alla prima l’effettuazione di 7 coppie di treni tra le ore 20:00 e le 02:00, giornalmente, per il periodo dall’inizio di luglio alla fine di agosto”.

“Il servizio verrà svolto tutto con lo stesso tipo di materiale rotabile, i nuovi ATR 220 di FER. – prosegue l’Assessore Peri – Riguardo alla capacità di trasporto bici, ancora limitata, di questi treni di recente acquisizione della Regione Emilia-Romagna ed affidati a FER, in un successivo momento, anche in seguito agli esiti di questa prima campagna sperimentale per l’estate 2011, si potrà approfondire l’idea di incrementare fino a 20 il numero delle biciclette al seguito che possono essere trasportate, attraverso la rimozione di un limitato numero di sedili al termine del periodo scolastico, con la possibilità di attingere ad un finanziamento europeo nell’ambito del progetto Inter Regio Rail”.

Il Consigliere Zoffoli, nella sua interrogazione, aveva anche chiesto, per incentivare l’uso dell’intermodalità bici+treno, “di poter prevedere che il passeggero, nel territorio regionale, dovesse pagare esclusivamente il suo biglietto, senza oneri aggiuntivi per la bicicletta”.

A questo proposito, l’Assessore Peri informa di avere inviato, alle Imprese ferroviarie del CTI, richiesta formale di implementare forme di tariffazione agevolata, prevedendo che “il sabato e la domenica e nei giorni lavorativi limitatamente ai treni nelle fasce orarie non di punta; entro i confini tariffari regionali dell’Emilia-Romagna, il trasporto della bicicletta possa essere effettuato anche con il pagamento di un biglietto a tariffa intera di seconda classe corrispondente al primo scaglione chilometrico (1 euro) indipendentemente dalla lunghezza della tratta percorsa” per il trasporto delle biciclette al seguito senza che, purtroppo, al momento, l’invito si sia trasformato in concrete azioni da parte delle Imprese ferroviarie.

Le azioni descritte e portate avanti dall’Assessore Alfredo Peri – conclude il Consigliere Zoffoli – sono solo un primo passo per implementare questa tipologia di mobilità, ecologica sostenibile e salutare. Anche a seguito della sperimentazione estiva, bisognerà continuare ad investire in questa direzione”.

È possibile scaricare il testo della RISPOSTA all’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.