Mafie, il procuratore Cisterna: “Attenzione, ma non siete colonizzati”

“Un ufficio della DIA in Emilia-Romagna? Sì, per capire da dove vengono i soldi investiti”.

Il fenomeno della infiltrazioni mafiose al Nord “deve preoccupare ma, qui in Emilia-Romagna, non è emergenza”. Alberto Cisterna, procuratore aggiunto della Direzione nazionale antimafia, intervenuto all’audizione della Commissione Bilancio Affari Generali ed Istituzionali dell’Assemblea Legislativa riunita per discutere del progetto di legge sulle politiche di prevenzione del crimine organizzato, ha rassicurato i presenti, ma ha invitato a non abbassare la guardia.

“L’Emilia-Romagna – ha ribadito, lodando l’iniziativa di legge regionale – è un territorio sano, ma resistere all’infiltrazione mafiosa oggi è un bisogno impellente. La mafia delocalizza e il Centro Nord offre loro molte opportunità, la mafia ha molti soldi e li investe in attività anche lecite per tessere la propria rete di controllo sul territorio“. Di qui la difficoltà a riconoscere le organizzazioni mafiose, a identificare chi si muove con altri scopi e intesse relazioni di vario tipo.

Essenziali diventano quindi il tema della legalità, richiamato dal progetto di legge, e l’etica del lavoro, dei rapporti bancari e finanziari, della trasparenza della pubblica amministrazione.

Cisterna ha insistito poi sull’importanza della “tracciabilità finanziaria” e delle relazioni con la Pubblica Amministrazione per una messa a disposizione di banche dati di libero accesso a tutti i cittadini.

“Serve – ha concluso – una più precisa e rigorosa cura nell’assegnazione delle opere pubbliche, delle licenze e delle autorizzazioni per erigere un perimetro di legalità. Non si tratta di creare il Grande Fratello, ma di rendere più trasparente l’attività amministrativa e quindi la tracciabilità del denaro per arginare l’infiltrazione del crimine organizzato. Ben venga dunque l’iniziativa di legge dell’Emilia-Romagna, oltre alla prevenzione si preoccupa anche di promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile”.

E, secondo Cisterna, “istituire una sezione regionale della DIA in Emilia-Romagna darebbe senza dubbio un segnale” e confermerebbe “l’attenzione istituzionale” che c’è sul fenomeno delle infiltrazioni mafiose.

Il procuratore non nasconde neanche i rischi di un avanzamento delle mafie “che al centro nord trova il suo baricentro nel sistema degli appalti e che ha terreno fertile per la presenza di piccole e medie imprese, la dimensione preferita dalla criminalità”.

Altro settore a rischio “è quello che ruota attorno alle cave e al calcestruzzo, grazie al quale la mafia riesce a fare vero e proprio insider trading sull’economia del territorio”.

Secondo Cisterna la presenza di soggetti appartenenti alla criminalità organizzata non è un fenomeno recente, ma finora “per usare un termine terroristico, le cellule sono state silenti“. Negli ultimi due, tre anni invece “hanno cominciato a muoversi cercando di approfittare dei buchi creati dalla crisi economica”.

Cisterna, infine, concorda sul fatto che in Emilia-Romagna non si può parlare di “colonizzazione” come in Lombardia, ma non nasconde che l’obiettivo di “contenere le mafie al centro nord è un bisogno impellente, vista la loro propensione a delocalizzare”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.