Il tapiro al contrario

dal blog di Marco Boschini – 10 aprile 2011.

(…) Il tapiro è salito agli onori della cronaca, nel nostro Paese, per essere diventato una sorta di bollino nero che ti viene appiccicato alla sprovvista, in mezzo ad una strada o dentro a un ristorante, purché tu sia un personaggio dello spettacolo, un VIP.

Il Tapiro d’Oro è infatti l’onorificenza satirica creata nel 1996 da Antonio Ricci per la sua trasmissione Striscia la notizia. Viene consegnato dall’inviato del programma Valerio Staffelli a personaggi dello spettacolo, della politica, dello sport e di qualsiasi ambito, nazionale e non, che abbiano motivo di sentirsi attapirati, cioè degni di ricevere il tapiro. Questo attapiramento consiste nell’aver fatto qualche gesto o azione sgarbata, qualche magagna, divenendo così bersaglio di Ricci e della sua trasmissione.

Nel nuovo sito dei Comuni Virtuosi abbiamo aperto la sezione “SEGNALA INFO”, una sorta di bacheca a disposizione di tutti i cittadini per indicarci esempi virtuosi, esperienze concrete, idee e spunti originali portati avanti dai propri Amministratori locali.

Un luogo virtuale per indicarci ciò che funziona, nei Comuni virtuosi e più in generale negli 8.101 Comuni italiani: raccontateci gli esempi più belli, i progetti intelligenti e le opere pubbliche utili messe in scena dal vostro Sindaco e dalla Giunta comunale. Segnalateci, attraverso un link (foto, video, audio, …) ciò che vi mette di buonumore del vostro Comune quando uscite di casa al mattino e attraversate il vostro quartiere, paese, città.

Pubblicheremo ogni singola iniziativa e verificheremo quanto ci racconterete: il progetto più bello farà guadagnare al vostro Sindaco il Tapiro al contrario dei Comuni Virtuosi, che consegneremo con tanto di Attestato di Buonsenso in una seduta del Consiglio comunale.

Aiutateci a scoprire l’Italia che funziona!

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Il tapiro al contrario

  • Una buona idea, purtroppo avere buoni servizi, per quanto lodevole, e’ semplicemente un diritto del cittadino.
    Quello che invece potrebbe funzionar meglio, spesso con minori sprechi e spesa, e’ ancora troppo e troppo diffuso.