Uniformare le modalità di trasporto pubblico per disabili sul territorio regionale

Presentata un’interrogazione alla Giunta regionale: “I nuovi Accordi di Programma siano un’occasione per garantire un servizio migliore a tutti i cittadini”.

Il Presidente della Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” della Regione Emilia-Romagna, Damiano Zoffoli, interviene sulla definizione dei nuovi Accordi di Programma per il servizio di trasporto pubblico, di prossima uscita, con un’interrogazione nella quale chiede maggiore attenzione ai temi posti dalle associazioni dei disabili.

Sul territorio regionale si assiste oggi ad un servizio di trasporto pubblico locale tramite autobus nel quale la modalità di trasporto per disabili (carico e scarico) viene scelta e realizzata in modo indipendente da ogni azienda (pedane elevatrici, sospensioni elettroniche, rialzo delle pensiline alle fermate, …) e tutto ciò comporta un disagio da parte dell’utente, quando il trasporto passa da un Comune (o comparto) all’altro, non essendo sempre queste modalità compatibili fra loro. Ne consegue la difficoltà della persona disabile che non sa se, alla fermata di arrivo prescelta, potrà scendere o meno.

La Regione Emilia-Romagna ha realizzato il Patto per il trasporto pubblico regionale e locale 2011-2013 per mantenere l’equilibrio economico del settore e garantire le esigenze di mobilità dei cittadini, nonostante i drastici tagli del Governo. Con questo Patto, infatti, la Regione si impegna a stanziare, per il triennio 2011-2013, quasi 752 milioni di euro per il trasporto pubblico locale (oltre a 384 milioni di euro per il servizio ferroviario) in modo da compensare fino all’80% i tagli (70 milioni di euro l’anno) sul trasporto pubblico locale.

Attraverso gli Accordi di Programma con le Agenzie Locali e le imprese di trasporto pubblico locale saranno stabiliti i nuovi standard qualitativi dei servizi richiesti e concessi contributi per adeguare il servizio (e quindi i mezzi, le fermate, gli orari, l’accessibilità, l’informazione, …) a detti standard.

“Si tratta quindi – afferma Zoffoli nell’interrogazione – dell’occasione giusta per finalizzare il prezioso lavoro svolto dalla Regione in questi anni nel campo del trasporto locale, verso un sistema che tenga conto delle esigenze di tutti i cittadini. Uniformando le modalità di trasporto pubblico per disabili nei diversi territori della nostra Regione, espandendo e promuovendo quelle tipologie più innovative ed efficaci (ad esempio con il sistema degli elevatori supportato dalle sospensioni elettroniche che non richiedono pensiline rialzate e consentono la salita e la discesa alle carrozzine in qualsiasi fermata), informando anche tramite internet gli utenti sulle linee e le fermate idonee al trasporto dei disabili, sarà possibile fare un passo concreto verso l’autonomia e la libertà di movimento di tutti. Per fare ciò è indispensabile coinvolgere direttamente le loro associazioni”.

È possibile scaricare il testo dell’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Uniformare le modalità di trasporto pubblico per disabili sul territorio regionale

  • Livio Ceccarelli

    Grazie Damiano, l’importante era recepire la problematica, mi sembra una buona partenza con un augurio di buon proseguimento.
    ciao Livio