Pronto il nuovo Piano triennale di attuazione del Piano Energetico Regionale

La Giunta regionale ha presentato alle Commissioni assembleari “Territorio Ambiente Mobilità” e “Politiche Economiche”, riunite in seduta congiunta, il Piano che attua, per il prossimo triennio (2011-2013), il Piano Energetico della Regione Emilia-Romagna, dando così avvio all’iter del provvedimento che dovrebbe approdare in Aula nel mese di giugno.

Il Piano prevede stanziamenti di 139,5 milioni di euro in tre anni e punta sul risparmio energetico e sullo sviluppo delle fonti rinnovabili. L’obiettivo è dar corpo, attraverso un percorso partecipato, ad un’efficace “rivoluzione verde”.

La nuova programmazione, infatti, si caratterizza per tre elementi: più efficienza e più risparmio energetico in tutti i settori (residenziale, terziario, industriale, trasporti); sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili; impulso alla filiera delle tecnologie energetiche e, più in generale, all’economia verde, prevedendo incentivi alle imprese.

Sul fronte dell’efficientamento e del risparmio, il Piano stima, al 2013, un taglio annuale di consumi pari a 471 ktep (il 47% nel residenziale, il 23% nel terziario, il 20% nell’industria e il 10% nei trasporti): riduzione di 222 ktep/anno nel settore residenziale, 108 nel terziario, 94 in industria, 47 nel settore dei trasporti. Il risparmio sarà pari a 1570 ktep/anno al 2020: 738 ktep/anno nel settore residenziale, 361 nel terziario, 314 nell’industria, 157 nei trasporti.

Nel 2007 i consumi energetici finali ammontavano a 14498 ktep, 618 dei quali prodotti da fonti rinnovabili, mentre nel 2013 caleranno a 14323 ktep, con l’obiettivo di produrne tra 829 e 976 ktep da fonti rinnovabili. Nel 2020 il consumo ipotizzato è di 14302 ktep, con una quota di energia prodotta da fonti rinnovabili oscillante tra 2451 e 2877 ktep.

Nel campo dell’energia da fonti rinnovabili (idroelettrico, fotovoltaico, solare termodinamico e termico, eolico, biomasse, geotermia) si stima invece, nel triennio, una produzione che, partendo dai circa 1150 MW attuali, oscilla tra i 2186 MW (nel caso in cui si attestasse al 17% della produzione totale di energia) ai 2765 MW (nel caso già raggiungesse il 20%).

Per raggiungere questi obiettivi il Piano si articola in 8 principali interventi strategici (Assi), declinati a loro volta in numerose Azioni, che hanno lo scopo attivare le iniziative più appropriate al fine di concorrere alla strategia europea 20-20-20 del 2020 (- 20% dell’emissione di gas-serra; – 20% nel consumo di energia; 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili) contribuendo alla crescita nella nostra Regione della green economy, piattaforma centrale per lo sviluppo di una nuova industria e per una crescita sostenibile.

Gli Assi, e gli stanziamenti relativi alle varie Azioni comprese in ciascuno di essi, per il triennio sono: 1) sviluppo del sistema regionale della ricerca e della formazione in campo energetico (15 milioni di euro); 2) sviluppo della green economy e qualificazione energetica del sistema produttivo (36 milioni di euro); 3) sviluppo e qualificazione energetica del settore agricolo (9 milioni di euro); 4) qualificazione edilizia urbana e territoriale (30 milioni di euro); 5) promozione della mobilità sostenibile (45 milioni di euro); 6) regolamentazione e revisione delle discipline del settore; 7) programmazione locale, informazione e comunicazione (3 milioni di euro). L’Asse 8 (dotazione finanziaria di 1,5 milioni di euro) riguarda invece la gestione del Piano: lo sviluppo del sistema informativo-energetico regionale, lo sviluppo di protocolli di intesa con soggetti terzi, il monitoraggio e la valutazione degli interventi previsti.

La Regione punta sul fatto che le azioni previste e le risorse stanziate, affiancate a quelle già attivate dallo Stato (come lo sgravio fiscale del 55% per il risparmio energetico e gli incentivi per la produzione di energia rinnovabile) che devono essere mantenute, moltiplicheranno per i territori dell’Emilia-Romagna le opportunità di risparmio energetico, di sviluppo delle fonti rinnovabili e di crescita economica.

È possibile scaricare la DELIBERA di Giunta regionale avente per oggetto “APPROVAZIONE DEL SECONDO PIANO TRIENNALE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ENERGETICO REGIONALE – 2011-2013” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

4 comments to Pronto il nuovo Piano triennale di attuazione del Piano Energetico Regionale

  • loris venturi

    ottima e tempestiva questa tua rassegna.ne traggo molta utilità. buon lavoro e buone cose/ lorisventuri da meldola

    • Caro Loris, se la mia newsletter (che altro non è che un piccolo strumento che utilizzo settimanalmente per informare sulla mia attività in Regione, dialogare e confrontarmi) è utile, non può che farmi piacere!
      Colgo l’occasione per farti i miei migliori auguri di una serena Pasqua di speranza,
      Damiano

  • Caro Damiano ti ringrazio per le informazioni tempestive che continui ad inviarci, molto utili per la nostra professione; colgo l’occasione per farti gli auguri di una buona Pasqua estendendoli anche a tutti i tuoi famigliari
    Bruno Pirini