Il Piano Energetico Regionale e i Piani comunali

Le scelte contenute nel Piano indicano con chiarezza la direzione in cui vogliamo collocare la comunità emiliano-romagnola, ovvero la crescita sostenibile dal punto di vista ambientale, superando la cultura energivora in cui siamo vissuti in questi anni. Occorre un cambio culturale. A questa idea di sviluppo, già racchiusa nelle scelte del Piano Territoriale Regionale, dobbiamo sincronizzare l’intera società. Quindi i nostri obiettivi sono: case ecologiche in cui il consumo energetico è di classe A, costante risparmio energetico, produrre sempre più energia da fonti rinnovabili, riduzione della produzione di CO2 a partire dalle città a dalla loro mobilità.

Per far ciò è necessaria un’alleanza tra tutte le componenti della società regionale, impostata sul buon senso e sulla responsabilità.

Un patto sulla coerenza che sappia andare oltre i tanti effetti Nimby che le questioni energetiche a volte suscitano, le strumentalizzazioni politiche di chi approva i piani a livello nazionale e regionale e si dissocia a livello locale, la logica della paura e della disinformazione che disorienta i cittadini e le comunità che purtroppo spesso ispira molti comitati, partiti e liste civiche.

Il Piano Energetico comunale o intercomunale assume questo compito. Gli obiettivi regionali vanno distribuiti territorio per territorio.

In ogni Comune va condotta un’analisi puntuale sui consumi energetici e sulla produzione energetica, prendendo in esame i settori dell’industria, dei trasporti, dell’edilizia, dell’agricoltura e per ognuno di questi aspetti vanno individuate le azioni e le iniziative da mettere in campo.

Ogni Comune deve svolgere questo lavoro, avvalendosi delle necessarie consulenze e deliberando un percorso di coinvolgimento partecipato sia delle forme organizzate della società che di coloro che intendono partecipare attivamente alle varie fasi di predisposizione del Piano.

Il Piano Energetico comunale diventa, in questo modo, uno strumento che fissa gli obiettivi da raggiungere che coinvolgono anche i singoli cittadini e trova le giuste interrelazioni con gli strumenti urbanistici e gli altri piani locali.

Occorre lavorare localmente per colmare una delle lacune più evidenti nella carente normativa nazionale in materia energetica: la separazione tra politiche energetiche e politiche territoriali e urbanistiche. Lacuna che vede gli Enti locali espropriati della possibilità di intervenire appieno sulla localizzazione degli impianti e sul fabbisogno energetico delle comunità amministrate.

Sull’energia, in sostanza, va aperto un grande confronto culturale e politico di respiro, capace di mettere in relazione il globale e il locale.

La battaglia contro il nucleare va condotta fermamente (tanto più dopo la tragedia giapponese) mettendosi coerentemente dalla parte delle energie rinnovabili per limitare l’utilizzo dei combustibili fossili e le emissioni di gas climalteranti.

L’Emilia-Romagna si muove in questa direzione.

Damiano Zoffoli

È possibile scaricare le SLIDES illustrative e riassuntive sul “NUOVO PIANO TRENNALE DI ATTUAZIONE (PTA) DEL PAINO ENERGETICO REGIONALE (PER) 2011-2013” cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Il Piano Energetico Regionale e i Piani comunali

  • >> In ogni Comune va condotta un’analisi puntuale sui consumi energetici e
    >> sulla produzione energetica, prendendo in esame i settori dell’industria,
    >> dei trasporti, dell’edilizia, dell’agricoltura e per ognuno di questi
    >> aspetti vanno individuate le azioni e le iniziative da mettere in campo.

    Benissimo, peccato che almeno a Cesena il piano energetico sia stato elaborato considerando gli ultimi dati disponibili sulla produzione e sui consumi energetici che risalgono al 2007! Come dire un millennio fa quanto a quote di penetrazione delle rinnovabili, e c’è stata pure la crisi del 2008 di mezzo, che ha azzoppato i consumi soprattutto industriali.

    >> Quindi i nostri obiettivi sono: case ecologiche in cui il consumo
    >> energetico è di classe A, costante risparmio energetico, produrre
    >> sempre più energia da fonti rinnovabili, riduzione della produzione
    >> di CO2 a partire dalle città a dalla loro mobilità.

    Benissimo, peccato che almeno a Cesena il PRIMO punto attuativo del piano energetico (marcato come “alta priorità”) sia quello di identificare 5Km quadrati di territorio da dedicare a “biomasse dedicate”, in barba alla presunta riduzione della CO2 e dell’inquinamento da PM10 (Il ritorno energetico delle biomasse è vicino all’unità, così come anche il risparmio di CO2). Quanto alle abitazioni, si parla niente di più che di ottemperare agli obblighi della Regione Emilia Romagna, classe B ma che vale solo per le nuove costruzioni, senza approfittare della sfida enorme che rappresenta la riqualificazioni e la ristrutturazione del patrimonio immobiliare esistente. Se facciamo valere le regole solo per le nuove costruzioni, abbiamo un effetto complessivo per il raggiungimento dell’obiettivo 20-20-20 che è meno dell’1% !!!

    Insomma, non vorrei che la grossa differenza fra la politica di oggi e quella di ieri sia nell’appropriarsi di “termini” dal grande appeal presso l’opinione pubblica, come “rinnovabile”, “sostenibile”, “eco-compatibile” e via discorrendo.

    Certo passi avanti se ne stanno facendo, ma al momento solo nella scelta accurata delle parole.