La Direttiva Bolkestein mette in crisi i mercati ambulanti e penalizza i piccoli commercianti

Presentata una risoluzione all’Assemblea Legislativa regionale

15 aprile Cesenatico Il decreto legislativo che attua nel nostro Paese la Direttiva Europea relativa ai servizi nel mercato interno (cosiddetta Bolkestein, nata per avvantaggiare imprese e consumatori attraverso la riduzione di molti passaggi burocratici) pone alcune difficoltà alle piccole e piccolissime imprese locali, poco competitive su mercati troppo vasti e rischia di mettere in crisi il commercio ambulante e su aree pubbliche, che conta 500.000 addetti in Italia e più di 160.000 imprese, di cui 10.000 in Emilia-Romagna. In Provincia di Forlì-Cesena se ne contano circa un migliaio.

È quanto si legge in una risoluzione presentata dai Consiglieri regionali del Gruppo PD (primo firmatario Tiziano Alessandrini) che pone l’accento sull’importanza di questo settore, sia per l’animazione e riqualificazione dei centri urbani dove normalmente si svolge, sia per il servizio di distribuzione che assicura in tante frazioni e centri minori.

“Il problema è, in particolare, una norma del decreto che fissa paletti troppo rigidi per il rilascio e il rinnovo della concessione dei posteggi per l’esercizio del commercio su aree pubbliche, di fatto criteri impossibili da rispettare per imprese individuali ed a conduzione familiare come sono quelle degli ambulanti” spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli.

“I mercati ambulanti rappresentano infatti un’attrattiva per chi soggiorna nelle località turistiche, oltre ad essere un servizio per le comunità disagiate nei piccoli centri di collina e di montagna e un’opportunità per diversificare e qualificare l’offerta commerciale nei nostri centri storici. – continua Zoffoli – La nostra Regione, in questi anni, ha investito rilevanti risorse pubbliche per qualificarli, attraverso un grosso coinvolgimento dei commercianti. È quindi chiaro come l’espulsione dai mercati degli operatori attualmente presenti arrecherebbe gravissime conseguenze non solo in termini occupazionali, ma anche in termini di dequalificazione del servizio da rendere ai cittadini e alle nostre comunità”.

“Con la risoluzione presentata chiediamo che nella definizione dei criteri per il rilascio e il rinnovo della concessione dei posteggi per l’esercizio del commercio su aree pubbliche si applichino le deroghe previste e si escludano da qualsiasi procedimento di evidenza pubblica tutte le concessioni nei Comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti. Chiediamo infine che le Regioni possano stabilire le nuove norme per il rilascio e il rinnovo delle concessioni di posteggio sulla base del criterio prioritario della professionalità e dell’anzianità, e che la durata delle concessioni/autorizzazioni sia di 12 anni” conclude il Consigliere Zoffoli.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to La Direttiva Bolkestein mette in crisi i mercati ambulanti e penalizza i piccoli commercianti

  • Buonasera,sono un operatore del centro italia e precisamente opero in provincia di roma,non si possono pensare soluzioni diverse da quelle proposte da Voi,l’investimento in attrezzature vedi camion market ,sarebbe di difficile ammortamento.
    Per quanto riguarda le risorse naturali tanto sbandierate dalla legge comunitaria,non riguardano in nessun modo le Ns concessioni, in quanto insistono sul territorio il breve tempo di mezza giornata a settimana per quanto rigurda i mercati settimanali.
    Noi operatori su aree pubbliche dobbiamo uscire fuori dalla BOLKESTEIN.
    Grazie dell’ospitalità
    Francesco Corazza U.P.V.A.D. CONFCOMMERCIO FIVA CASTELLI ROMANI.