BENIGNO ZACCAGNINI – “La Resistenza è un fenomeno permanente: né soltanto di ieri e di oggi, ma anche di domani”

“Alla fine accettai. Tommaso Moro, che per noi cattolici era un simbolo di libertà e di opposizione all’assolutismo di stato, divenne il mio nome di battaglia.

Che cos’era, per noi che abbiamo combattuto il fascismo e il nazismo, la Resistenza? La Resistenza è stata innanzitutto una intima profonda scelta morale, compiuta dai giovani e dai non giovani.

Una scelta difficile, per un impegno che si sentiva sorgere dal profondo della coscienza: una scelta fra assistere passivamente e subire gli eventi o cercare di assumersi le proprie responsabilità, coi rischi connessi, per orientare il senso della storia, delle vicende storiche che stavamo vivendo, per l’affermazione di alcuni fondamentali valori nei quali credevamo, perché radicati nella nostra coscienza.

Libertà e partecipazione, giustizia e solidarietà, pace. Valori umani universali che hanno dato e danno forza morale alla politica. Aldilà delle distinzioni dei partiti che della politica sono solo strumenti. Ognuno con una sua verità e idealità parziale ma uniti al servizio di un bene veramente comune.

Guerra alla guerra: fu la resistenza.

Ribelli per amore: furono i resistenti.

Potevamo essere dei ribelli? Era lecita la rivolta? Noi non potevamo agire né per vendetta, né per calcolo, né per odio, ma solo per giustizia e per amore.

Ribelli perché non avevamo nulla da difendere, ma avevamo il dovere di segnare con la rivolta la nostra radicale separazione e avversione. Ribelli per il dovere di essere non passivi testimoni di quel fallimento, ma attori impegnati a indicare con amore la linea di una nuova più giusta, più vera, più cristiana convivenza umana.

Dovevamo essere presenti per amore di quel mondo nuovo che tutti sognavamo a cui ognuno offriva tutto se stesso perché portasse il segno della propria fede e della propria idea”.

Con queste parole, Benigno Zaccagnini descrive la Resistenza come “rivolta dello spirito”, come guerra di liberazione e come mobilitazione civile contro l’occupazione del paese, come impegno personale in vista della creazione di una nuova società. Un periodo storico in cui il popolo si è sentito protagonista della storia, e i “ribelli” hanno affrontato con generosità la dura prova.
C’è bisogno, anche oggi, di una nuova resistenza, culturale e morale, come alternativa ad un silenzio ipocrita e ad una passiva accettazione dei processi in atto?
Penso di sì! Ribellarci per amore è, anche oggi, un imperativo morale irrinunciabile.
Ribellarci per voltare pagina e per cambiare l’Italia è la nostra missione.

Buon 25 aprile a tutti noi!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to BENIGNO ZACCAGNINI – “La Resistenza è un fenomeno permanente: né soltanto di ieri e di oggi, ma anche di domani”

  • corrado

    OK condivido buon 25 aprile !

  • Paolo Zammarchi

    Grazie, caro Damiano, per aver richiamato alla nostra memoria ed aver riproposto alla nostra attenzione la testimonianza sempre attuale dell’On. Benigno Zaccagnini, partigiano “ribelle per amore” come tanti altri cattolici italiani che diedere un contributo fondamentale alla lotta di liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo. Con lo stesso spirito continuiamo oggi la buona battaglia per la difesa della Costituzione e dei valori di libertà, giustizia e legalità che vediamo seriamente minacciati.

  • fabrizio fornasari

    Quando partecipo a qualche dibattito politico, a volte ritorno a casa e mi leggo qualche pagina dei discorsi di Zaccagnini e Moro…per rifarmi lo spirito. Concordo con l’amico Paolo che è bene richiamare alla memoria questi grandi veri maestri “se vogliamo evitare, come diceva Leonardo Melandri, che l’impegno politico si afflosci e ci annoi, ci stanchi e ci deluda”. Grazie Damiano. Fabrizio