Dalla Regione 458mila euro per interventi sull’edilizia scolastica in Provincia di Forlì-Cesena

Finanziati lavori nelle scuole di Civitella di Romagna, Modigliana, Roncofreddo, Tredozio, Verghereto e all’Istituto Tecnico Aeronautico di Forlì.

A skyful of cranesAmmontano a 458.000 euro le risorse che la Regione Emilia-Romagna ha assegnato agli interventi per l’edilizia scolastica in Provincia di Forlì-Cesena, approvando così il Piano di attuazione 2010.

La programmazione, finanziata in base alla Legge regionale 39/80 (“Norme per l’affidamento e l’esecuzione di opere urgenti di edilizia scolastica”) destina 127.000 euro per interventi di messa in sicurezza e adeguamento a norma degli edifici e 331.000 euro per altri tipi di intervento.

“Si tratta di risorse significative – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – che testimoniano l’attenzione costante della Regione Emilia-Romagna alla sicurezza dei nostri bambini e studenti, e che cercano di dare risposta al crescente fabbisogno di aule conseguente all’aumento della popolazione in età scolastica. A differenza di quanto fa il Governo, che anche nel 2011, per il secondo anno consecutivo, ha azzerato i fondi sulla legge 23/96, la nostra Regione ha messo tra le sue priorità la scuola e la formazione dei nostri giovani, soprattutto nei territori della collina e montagna, da sempre più disagiati”.

Nel dettaglio: 30.000 euro al Comune di Civitella di Romagna per interventi sulla scuola primaria e secondaria di 1° grado di Cusercoli (costo complessivo dell’intervento: 100.000 euro); 60.000 euro al Comune di Roncofreddo per interventi sulla scuola dell’infanzia di Gualdo (costo complessivo dell’intervento: 202.500 euro); 37.000 euro al Comune di Tredozio per interventi sulla scuola secondaria di 1° grado “S. Lega” (costo complessivo dell’intervento: 126.285,60 euro); 28.000 euro al Comune di Modigliana per interventi sulla scuola primaria “P. Alpi” (costo complessivo dell’intervento: 200.000 euro); 120.000 euro al Comune di Verghereto per interventi sulla scuola dell’infanzia “E. Tommasini” in località Alfero (costo complessivo dell’intervento: 456.250 euro); 183.000 euro alla Provincia per interventi sull’Istituto Tecnico Aeronautico “F. Baracca” (costo complessivo dell’intervento: 783.000 euro) di Forlì.

Le risorse regionali contribuiscono a coprire il 30% dei costi dei singoli interventi, attivando (se si considera anche la quota degli Enti locali proprietari degli edifici scolastici) un finanziamento complessivo di oltre 1,5 milioni di euro sul territorio provinciale.

I soggetti attuatori degli interventi dovranno, entro il termine perentorio di 120 giorni dalla data di pubblicazione della delibera sul Bollettino Ufficiale Regionale telematico, procedere all’approvazione dei progetti esecutivi e inoltrarli successivamente al Servizio regionale competente.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to Dalla Regione 458mila euro per interventi sull’edilizia scolastica in Provincia di Forlì-Cesena

  • Piero

    Sinceramente mi sembrano relativamente pochi se consideriamo tutto il nostro territorio Provinciale e il numero di plessi scolastici che necessitano di interventi di adeguamento di spazi e messa in sicurezza.
    Le chiedo cortesemente se è in grado di indirizzarmi verso ulteriori canali finanziari legati al mondo dell’edilizia scolastica pubblica, per verificare la possibilità di contributi per la realizzazione di un polo scolastico all’interno del mio Comune, e se ci sono già ragguagli sull’ammontare del fondo per il 2011.
    grazie

    • Gentile Piero,
      per cercare di rispondere in modo più completo possibile alle sue osservazioni, le faccio, qui di seguito, un breve riassunto sui fondi e sulle procedure relative all’edilizia scolastica.
      Le faccio inoltre notare, come ho scritto nel testo del post, che lo Stato, per il secondo anno consecutivo, ha azzerato i fondi destinati a tali scopi (che venivano trasferiti alle Regioni).
      L’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato, in data 7 ottobre 2010, gli “Indirizzi e criteri per la formulazione del programma 2010‐2012 di edilizia scolastica ai sensi della L.R. 22 maggio 1980, n. 39” (il testo è scaricabile a questo link: http://demetra.regione.emilia-romagna.it/stampa/delibere_pdf/ix%20legislatura/2010/0017-ogg416.pdf).
      Nel 2010, pur in assenza di risorse nazionali ai sensi della L. 23/96, la Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione la somma di Euro 4.583.489,99 + Euro 900.000 (Novafeltria).
      (Per ulteriore completezza le invio, tramite mail, il testo della delibera di Giunta regionale con la quale si è provveduto all’assegnazione).
      Al fine di ottimizzare la programmazione e l’impiego delle risorse, la Regione ha scelto di operare per ambiti territoriali provinciali, attraverso piani annuali di utilizzo che individuino le opere da finanziare su segnalazione delle Amministrazioni Provinciali, secondo gli indirizzi triennali indicati nell’allegato parte integrante dell’atto di cui sopra.
      Purtroppo, per quanto riguarda l’anno 2011 non ci sono risorse (né nazionali, né regionali) a bilancio sulla Legge regionale n 39 del 1980.
      Nel 2012, invece, si prevede invece che ci saranno risorse da destinare a tale scopo.
      Gli uffici regionali, ad oggi, ipotizzano di destinare le risorse nazionali alle nuove costruzioni e quelle regionali per le manutenzioni straordinarie e gli adeguamenti normativi.
      Bisognerà quindi interloquire fin da subito con la nostra Amministrazione provinciale, tenendo conto dei criteri di priorità individuati nell’atto di indirizzo di cui sopra (vedere, in particolare, a pagina 12).
      Resto a disposizione nel caso si rendessero necessari approfondimenti e per lavorare insieme a servizio del nostro territorio.
      Un caro saluto e buon lavoro,
      Damiano Zoffoli

  • Piero

    Innanzitutto grazie mille per la celere risposta…
    conoscevo bene l’ammontare generale delle somme messe a disposizione dalla Regione sull’edilizia scolastica e la mia critica non voleva farne una colpa specifica della Regione stessa circa la scarsità di contrbuti.
    Purtroppo dobbiamo sempre fare i conti con la stessa tiritera dello Stato che si riempie la bocca di tante promesse e poi, d’altro canto, non mette a disposizione quelle risorse basilari che servono per arrivare a raggiungere quegli obiettivi di interesse collettivo a cui tutti noi aspiriamo…in questo caso specifico sull’edilizia scolastica che invece dovrebbe avere un occhio di riguardo: i giovani sono il futuro della società in cui viviamo.
    Grazie ancora e buon lavoro