Approvata la legge che autorizza la Regione ad entrare nella nuova società degli aeroporti romagnoli

“Fare sistema per una gestione più efficiente degli scali”.

L’Assemblea Legislativa ha approvato il progetto di legge “Misure straordinarie a sostegno del sistema aeroportuale regionale”.

La nuova legge regionale si compone di due articoli: il primo autorizza la Regione a partecipare al capitale sociale di una nuova ed unica società di gestione tra Seaf SpA Forlì (che gestisce lo scalo forlivese) e Aeradria SpA Rimini (gestore dell’aeroporto Fellini), precisandone gli obiettivi e il tetto massimo di spesa (3 milioni di euro); il secondo è invece relativo alle variazioni del bilancio regionale 2011 connesse al provvedimento (la Regione partecipa con 1.185 euro al reintegro del capitale sociale di Seaf, di cui è socia all’1%, e con 11.486 euro alla copertura della quota di propria spettanza relativa alle perdite maturate dalla società forlivese).

Con questa nuova legge la Regione mette a disposizione degli aeroporti romagnoli uno strumento non coercitivo, che può facilitare il loro incontro, senza dettare tempi rigidi.

L’obiettivo è quello di rafforzare finanziariamente le due società, innalzarne ed integrarne le competenze professionali e organizzative, dar vita ad un soggetto imprenditoriale in grado di incrementare le opportunità di trasporto per le diverse tipologie di utenti e di sviluppare un’efficace politica commerciale, meno dipendente dagli interessi delle compagnie aeree, soprattutto low cost.

A tal proposito, la Giunta regionale ha precisato, già nei giorni scorsi, che nel mese di novembre e in quello di febbraio ha sottoscritto, con i soci pubblici (Comune di Forlì, Comune di Rimini, Provincia di Forlì-Cesena, Provincia di Rimini) di entrambi gli scali, documenti che li impegnano a giungere ad un’unica e nuova società di gestione.

Nessuno, quindi, vuole imporre una fusione a freddo tra gli aeroporti di Forlì e Rimini.

Se la fusione si farà, sarà il frutto di un approfondito lavoro di analisi (con numeri, potenzialità, criticità, prospettive, programmi, messi a disposizione dagli esperti) da parte degli azionisti a cui, comunque,spetta l’ultima parola.

La Regione ha però precisato che rimarrà nella gestione dei due aeroporti solo se la loro futura politica industriale sarà orientata a strategie di stretta cooperazione competitiva.

Infine, è bene ribadirlo, l’Emilia-Romagna interviene per riorganizzare e dare efficienza alla realtà aeroportuale romagnola, senza interferire nel percorso di privatizzazione apertosi per Forlì, che auspichiamo trasformi la manifestazione di interesse di Save SpA (società costituita nel 1987 e che, dallo stesso anno, gestisce l’Aeroporto Marco Polo di Venezia) in vera e propria proposta economica, esaudendo il contenuto del bando per la privatizzazione.

La nostra Regione, inoltre, non rinuncia a lavorare per costruire il sistema aeroportuale integrato regionale, vincendo una sfida che va ben al di là dei confini dell’Emilia-Romagna, peccato che fino ad ora gli azionisti dello scalo di Bologna non abbiano condiviso l’obiettivo.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.