Approvata la legge regionale contro le infiltrazioni mafiose

L’Emilia-Romagna ha messo un altro punto fermo per arginare l’invadenza dei clan.

L’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna ha approvato la legge regionale per la prevenzione e il contrasto alle infiltrazioni del crimine organizzato e per la promozione dell’educazione alla legalità. Dopo la legge sulla trasparenza negli appalti e il passaggio che ha reso obbligatorio il DURC (documento unico di regolarità contributiva) anche per il commercio ambulante, questo è un ulteriore fondamentale passo per dire con chiarezza che l’Emilia-Romagna si oppone alle mafie.

A seguito di un lungo e partecipato percorso oggi abbiamo approvato una legge che ci permetterà di prevenire e colpire il crimine organizzato agendo su più livelli, dall’educazione alla legalità fino a provvedimenti di contrasto a usura e racket, mettendo in rete le informazioni che Amministrazioni, forze dell’ordine e altri soggetti hanno accumulato negli anni. Verrà attivato un Osservatorio Regionale interno all’Amministrazione, che raccoglierà tutti i dati e il materiale disponibile, al fine di rendere più agevoli, ampi ed efficaci i controlli incrociati necessari al monitoraggio.

La Giunta predisporrà un Centro di Documentazione aperto a tutti i cittadini, in cui sarà possibile informarsi e trovare contenuti aggiornati e completi. Verranno attivati percorsi didattici nelle scuole di ogni ordine e grado, saranno realizzate iniziative pubbliche e verrà istituita, il 21 marzo, la Giornata regionale in ricordo delle vittime di mafia. Altro punto importante e qualificante è quello relativo alla velocizzazione delle procedure burocratiche per l’utilizzo dei beni sequestrati: per facilitare il recupero ad uso sociale di tali beni da parte dei Comuni, la Regione attiverà uno sportello per fornire assistenza e informazioni e saranno erogati contributi per cofinanziare gli interventi di restauro, risanamento e riutilizzo.

Il circuito virtuoso che si rafforza tra la Regione e le Amministrazioni locali, le forze dell’ordine, la polizia locale, le associazioni di promozione sociale attive nel campo della legalità, le organizzazioni del volontariato, la scuola e l’Università è davvero di grande importanza: solo una così ampia mobilitazione, infatti, può essere decisiva per impedire ai clan di insediarsi nel nostro territorio e inquinare il nostro mercato del lavoro.

Infine, da sottolineare che nella legge è stata inserita inoltre una clausola valutativa che prevede che, ogni due anni, la Giunta presenti alla Commissione assembleare competente una relazione sull’evoluzione dei fenomeni di illegalità collegati alla criminalità di tipo mafioso rilevata nel territorio regionale. La clausola è stata inserita perché non volevamo approvare una legge bandiera, ma un testo efficace i cui effetti dovranno e potranno essere controllati e valutati.

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.