KAHLIL GIBRAN – “Voi siete gli archi dai quali i vostri figli vengono proiettati in avanti, come frecce viventi”

E una donna che stringeva un bimbo al seno chiese: Parlaci dei Figli.

Ed egli disse:

I vostri figli non sono i vostri figli.

Sono i figli e le figlie della smania della Vita per se stessa.

Vengono attraverso di voi, ma non da voi, e benché stiano con voi, tuttavia non vi appartengono.

Vengono attraverso di voi, ma non da voi, e benché stiano con voi, tuttavia non vi appartengono.

Voi potete dar loro il vostro amore, ma non i vostri pensieri, poiché essi hanno i propri pensieri.

Potete dare alloggio ai loro corpi, ma non alle loro anime, poiché le loro anime dimorano nella casa del futuro che voi non potete visitare neppure in sogno.

Voi potete sforzarvi di essere come loro, ma non cercate di renderli simili a voi.

Poiché la vita non va all’indietro e non si trattiene sullo ieri.

Voi siete gli archi dai quali i vostri figli vengono proiettati in avanti, come frecce viventi.

L’Arciere vede il bersaglio sul sentiero dell’infinito ed Egli vi tende con la Sua potenza in modo che le sue frecce vadano rapide e lontane.

Lasciatevi tendere con gioia dalla mano dell’Arciere;

Poiché com’Egli ama le frecce che volano, così ama pure l’arco che è stabile.

(dal libro “Il Profeta”).

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

3 comments to KAHLIL GIBRAN – “Voi siete gli archi dai quali i vostri figli vengono proiettati in avanti, come frecce viventi”

  • claudio

    questo è il brano che io ho seguito nell’educazione di mio figlio quando era piccolo

  • Fringui

    E visto che ieri era la festa della mamma, perchè non dare alle mamme la possibilità di scegliere quale cognome dare al proprio figlio, e non per forza quello del padre? Su questo in Italia siamo rimasti al medioevo. Anche la Cassazione ha dato il suo ok. Come al solito quelli che sono rimasti indietro sono i politici ….

  • pino

    soltanto, favolosamente, vero!!!!!!!!
    pino