Concessioni demaniali marittime: “Basta leggere il testo del decreto per rendersi conto dell’assurdità del provvedimento”

“È una manovra squisitamente elettorale”.

L’on. Sandro Brandolini e il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, dopo aver esaminato lo schema del cosiddetto “decreto sviluppo” approvato dal governo la settimana scorsa (e non ancora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale) denunciano innanzitutto la “superficialità con la quale il governo affronta la questione della concessione degli arenili, dimostrando ancora una volta l’intento di ricercare, a pochi giorni dal voto per il rinnovo delle amministrazioni locali, il consenso dei bagnini e degli altri operatori degli arenili con mirabolanti promesse, con una norma che dividerebbe in due le concessioni demaniali separando le aree già occupate da edificazioni esistenti e quelle nelle quali sarà possibile costruire nuovi edifici sulla spiaggia“.

“Dopo che il governo – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – ha affossato, in quanto in contrasto con la Bolkestein, la legge regionale dell’Emilia-Romagna che consentiva, a fronte di un piano di interventi di riqualificazione dell’arenile, concessioni fino a vent’anni, com’è pensabile che l’Unione Europea consenta concessioni per novant’anni senza nessuna forma di evidenza pubblica?“.

“Basta leggere il testo del decreto per rendersi conto – prosegue l’on. Sandro Brandolini – dell’assurdità del provvedimento. Tutti possono richiedere la concessione delle parti dell’arenile sulle quali è possibile edificare; infatti l’unico requisito richiesto è di essere un soggetto interessato a costruire un edificio su di un’area ricevuta in concessione per novant’anni pagando un corrispettivo annuo determinato sulla base dei valori del mercato, mentre la parte di spiaggia destinata ai bagnini sarà concessa attraverso bandi pubblici come prevede la Bolkestein”.

“Il Partito Democratico non fa promesse – concludono Brandolini e Zoffoli – ma continua ad essere impegnato per assicurare agli operatori degli stabilimenti balneari un futuro senza il quale non è pensabile una qualificazione dell’offerta turistica che richiede consistenti investimenti per innovare i servizi e rendere sempre più accogliente la nostra spiaggia. Gli operatori turistici sanno bene che il voto di domenica e lunedì è importante per assicurare un governo locale capace di sostenere con i fatti, e non con le parole, la crescita della nostra economia turistica, creare nuovi posti di lavoro per i giovani e mantenere alta la qualità dei servizi senza i quali non si difende la coesione sociale di una comunità. Senza stabilità di governo e con l’improvvisazione non si arriva da nessuna parte“.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.