Ecco perché, il 12 e 13 giugno, ai due quesiti referendari sull’acqua, voto sì!

L’acqua è un bene comune ed un diritto umano universale. È un bene essenziale, che appartiene a tutti. Nessuno può appropriarsene, né farci profitti. Ecco perché, il 12 e 13 giugno, ai due quesiti referendari sull’acqua, che ho sottoscritto, voto sì!

Il Partito Democratico si è opposto alle norme, fatte approvare dal Governo Berlusconi a colpi di fiducia, che spingono verso una privatizzazione forzata dell’acqua, togliendo agli Enti locali la possibilità di decidere e portando al rischio di monopoli privati nelle mani di poche grandi aziende, spesso del tutto estranee ai contesti territoriali in cui viene svolto il servizio; norme presentate sotto il titolo di obblighi comunitari, quando in realtà non c’è alcun atto comunitario o sentenza europea che imponga di forzare l’ingresso dei privati nel servizio idrico integrato.

L’acqua, infatti, è un bene comune dell’umanità, un bene essenziale e insostituibile per la vita e deve essere garantita a tutti nel rispetto dei vincoli ambientali e al massimo livello di qualità, secondo principi di equità e solidarietà, con criteri di sostenibilità per preservarne la qualità e la disponibilità per le future generazioni.

L’acqua è quindi necessariamente un bene pubblico e lo sono anche le infrastrutture del servizio idrico, che vanno gestite con criteri di efficienza ed economicità, secondo logiche industriali in grado di assicurare costi sostenibili e qualità del servizio.

L’acqua è un bene scarso e va preservata attraverso la cura del territorio, la manutenzione dei bacini idrografici, la tutela dei corpi idrici e delle aree di salvaguardia.

Per il Partito Democratico sono obiettivi irrinunciabili la tutela delle acque, l’accessibilità per tutti, un uso razionale della risorsa che operi dal lato dell’offerta e non si limiti a rincorrere la domanda, l’equità delle tariffe e la massima qualità ed efficienza del servizio.

Per raggiungere questi obiettivi, il Partito Democratico ha anche presentato in Parlamento una proposta di legge recante “Disposizioni per il governo delle risorse idriche e la gestione del servizio idrico integrato”, che prevede: una forte regolazione pubblica, attuata da una autorità di regolazione nazionale di cui siano compartecipi Stato e Regioni, che consenta di definire standard di servizio, monitorare i risultati, applicare eventuali sanzioni e quindi incentivi qualità, efficienza e risparmio per migliorare il servizio e garantire, al tempo stesso, equità e un uso sostenibile della risorsa acqua; un ruolo fondamentale delle Regioni e degli Enti locali nelle scelte di affidamento del servizio idrico integrato, nel pieno rispetto dei principi generali, degli standard di qualità e dei livelli minimi essenziali fissati; una gestione industriale del servizio idrico integrato (ossia dell’insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue) anche per realizzare economie di scala, assicurare qualità omogenea e controllabile dei servizi, garantire sicurezza degli approvvigionamenti idrici ed efficienza nella depurazione; un quadro normativo chiaro e stabile che metta fine alla continua incertezza prodotta dai ripetuti interventi del centrodestra, che riparta affidando alle Regioni il compito di organizzare il servizio idrico integrato sulla base di ambiti territoriali ottimali definiti secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità, nel rispetto dell’unità dei bacini idrografici, dell’unitarietà della gestione e quindi del superamento delle frammentazioni, dell’adeguatezza delle dimensioni gestionali, della riduzione delle sperequazioni tra ambiti limitrofi; la tariffa come corrispettivo del servizio idrico integrato, prevedendo una tariffa sociale per dare agevolazioni a determinate fasce di reddito e ai nuclei familiari numerosi e una tariffa che incentivi il risparmio idrico e scoraggi quindi i consumi elevati; meccanismi che vincolino alla realizzazione degli investimenti necessari per il miglioramento del servizio, stimati in almeno 60 miliardi di euro con un impegno aggiuntivo per garantire lo stesso livello di servizio in ogni area del Paese.

Forte di questa proposta di legge, ribadisco il mio sì, convinto e deciso, al referendum!

Damiano Zoffoli

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Ecco perché, il 12 e 13 giugno, ai due quesiti referendari sull’acqua, voto sì!

  • Bravissimo damiano, questa è la direzione giusta.
    Però il PD deve essere consapevole che questa sia la strategia su cui essere tutti uniti nel centrosinistra. Continuano a fioccare i distinguo, mentre è giunta l’ora di prendersi la responsabilità di scelte precise, specialmente nei confronti dell’elettorato.

    Come si dice… “Ubi Major Minor cessat”, qual’è il male minore, il rischio di essersi battuto per un referendum che poi non ha avuto il quorum, e quindi erroneamente pensare di aver perso, oppure averci provato fino in fondo per difendere un principio come la gestione pubblica e solidale della risorsa idrica ?

    Una parte del PD, haimè, pensa che abbracciare referendum sia una scelta perdente, fortunatamente un altra parte pensa, giustamente, che gli elettori premieranno chi si è battuto e chi ci “ha provato” !

    Mi auguro che farai parte sempre di questa seconda “corrente”, che è la stessa che guarda con favore a un rinnovo della classe dirigente e all’accoglimento di molte istanze sociali e ambientali, che oggi sembrano raccolte solo da Sel, M5S, IdV e pochi altri.