Disabili e autobus: verso un unico sistema regionale di accesso ai mezzi pubblici

L’Assessore Peri risponde all’interrogazione di Damiano Zoffoli: la Regione continuerà a cofinanziare pensiline accessibili, cercando standard comuni. Nei tabelloni elettronici si saprà se l’autobus in arrivo è accessibile o meno.

La parte più difficile del viaggio in autobus per un disabile? Quasi sempre è quella che precede il viaggio vero e proprio, ossia la ricerca d’informazioni sull’accesso ai mezzi.

Oggi, infatti, il sistema di trasporto pubblico assomiglia a una Babele. Ogni azienda locale si muove per conto proprio: c’è chi usa pedane elevatrici, chi sospensioni elettroniche, chi si affida a fermate rialzate. E nemmeno in modo uniforme: all’interno dei diversi Comuni ogni zona fa storia a sé. Così, arrivato a destinazione, il disabile potrebbe persino trovarsi nella condizione di non poter scendere dall’autobus. Una situazione che spinge tante persone a rinunciare al trasporto pubblico, pur di non rischiare un calvario.

Per questo motivo il Presidente della Commissione “Territorio Ambiente Mobilità” della Regione Emilia-Romagna, Damiano Zoffoli, ha presentato, il mese scorso, un’interrogazione alla Giunta chiedendo maggiore attenzione ai temi posti dalle associazioni dei disabili.

La risposta dell’Assessore Peri, arrivata oggi, è stata positiva: “Risulta condivisibile la richiesta di uniformare il sistema di accesso, autobus e pensiline-marciapiedi, al fine di avere un unico sistema regionale, in grado di migliorare l’accessibilità e la vivibilità”.

Le risorse economiche sono poche, considerati i tagli ministeriali al trasporto pubblico locale che la Regione Emilia-Romagna si è impegnata a coprire fino all’80 % di tasca propria.

Qualcosa però si può fare in tempi brevi: “Ad oggi molte aziende di trasporto hanno già introdotto sistemi di telecontrollo della flotta – ha aggiunto Peri – per questo risulta condivisibile la richiesta di fornire on-line informazioni sulla presenza o meno di pedane sui mezzi. La Regione, inoltre, attraverso il progetto Gim (Gestione informata della mobilità), cofinanziato dal Ministero, mira a uniformare il sistema di telecontrollo della flotta, dotando le Aziende che ne sono ancora prive di sistemi di controllo Avm e di pannelli informativi fruibili dagli utenti, recanti svariate informazioni del servizio, come l’orario di effettivo arrivo alla fermata”.

Le informazioni potrebbero così essere condivise con facilità sia su internet, sia nelle fermate dotate di paline elettroniche.

Proprio sulle fermate, Peri ha ricordato il ruolo delle istituzioni regionali: “La realizzazione e manutenzione delle pensiline spetta agli Enti locali, ma la Regione può cofinanziare queste opere per mezzo degli accordi di programma, come già avvenuto in passato. E in occasione della concertazione dei prossimi accordi di programma, con le Province e i Comuni maggiori, daremo risposta anche ai temi dell’accessibilità ai mezzi pubblici”.

Garantire la libertà di movimento di tutti i cittadini è indispensabile – ha dichiarato il consigliere Damiano Zoffoli – per questo dobbiamo proseguire nell’uniformare le modalità di trasporto pubblico nei diversi territori della Regione. Ad oggi, in provincia di Forlì-Cesena, solo 64 mezzi su 345 sono accessibili ai disabili per mezzo di pedane elettriche: 6 extraurbani, 36 suburbani e 22 urbani. Non appena si libereranno risorse per l’acquisto di nuovi mezzi pubblici, la Regione dovrà tenere in massimo conto il problema dell’accessibilità”.

È possibile scaricare il testo della RISPOSTA all’INTERROGAZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.