NIVARDO È TUTTI NOI

Domenica 29 e lunedì 30 maggio, al ballottaggio, vota Nivardo PANZAVOLTA Sindaco di Cesenatico. Non consegnamo la nostra città a Berlusconi!

NIVARDO È TUTTI NOI

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

5 comments to NIVARDO È TUTTI NOI

  • Fringui

    Vedo che il Pd di Cesenatico utilizza la stessa tecnica del Pdl di Milano quando dice che “votando Pisapia Milano diventerà islamica”. Certamente è più facile sbandierare slogan privi di significato, invece di chiedersi seriamente perchè molti cittadini non hanno rinnovato la propria fiducia al sindaco del Pd.

  • Con rammarico, pur da convinto sostenitore di area centrosinistra, pronostico che Panzavolta non riuscirà a spuntarla.
    Il motivo è semplice, la soverchiante incapacità culturale e intellettuale di quest’ultimo e la evidentissima debolezza della sua candidatura.

    Se il PD avesse candidato, anziché impuntarsi sul sindaco uscente, un qualsiasi giovane, fresco, progressista, con il giusto entusiasmo e senso della politica, avrebbe sicuramente stravinto a mani basse.

    Anche se la spunterà per un pelo, rimane purtroppo il senso di una occasione persa. Basta sentirlo parlare… retorico, didascalico, timido, impacciato, un po dislessico, privo di visione di insieme, da chi si capisce non abbia mai lavorato fuori dal partito, sempre sulla difensiva ma privo di qualsivoglia spirito critico autonomo. Sarà mai possibile che vinca uno così ?

    E pensare che Buda è un ciellino, appoggiato da potenti e danarosi imprenditori immobiliari (alla Piero Lombardini), sponsorizzato dai cacciatori, spregiudicato abbastanza da nascondere i costi della propria campagna elettorale e spalleggiare apertamente per la cementificazione, lo sviluppo alberghiero, la concessione di diritti di superficie centenari.

    Nonostante tutto questo… culturalmente parlando, c’è mio parere un abisso, verso un professore di fisica e matematica, che sa pure parlare bene e in modo semplice.

    Speriamo che il PD riconquisti la forza per riuscire a dotarsi di una classe dirigente degna di succedergli, possibilmente non allevata nei vivai di partito e fatta avanzare per anzianità.

    Si vede lontano un miglio che entrambe le campagne elettorali non sono state promosse da loro stessi ma da oscene strategie di marketing, quindi i toni sono proprio gli stessi.

    Perdonatemi per questo mio giudizio critico e forse ingeneroso, ma la netta impressione è questa… dopodomani sapremo se ho avuto ragione o meno. Cordiali saluti,

    Paolo

  • Sono stato facile profeta… mi dispiace, ma ora è il momento di far ripartire una nuova classe dirigente PD, che la vecchia era un po troppo seduta sull’esistente.

  • Fringui

    Milano “liberata” …Napoli “liberata” …Cesenatico “liberata” (e va detto che Buda ha più difetti che pregi)