Non è tutto uguale

La Stampa – mercoledì 1 giugno 2011.

“Ha vinto il Sistema. Quello che ti fa scendere in piazza perché hai vinto tu, ma alla fine vince sempre lui… Il Sistema ha liquidato Berlusconi e deve presentare nuove facce per non essere travolto”. L’ultimo monologo di Grillo, “L’Italia di Pisapippa“, non rappresenta una novità. La novità è la reazione dei seguaci, che stavolta si sono ribellati al verbo qualunquista: per i suoi toni gratuitamente volgari (“e se cominciassimo a chiamarti Beppe Grullo?”, gli ha scritto uno), ma soprattutto perché “Pisapippa” lo hanno votato e tifato anche loro.

Mi rifiuto di credere che Grillo parli male del nuovo sindaco di Milano per invidia da soubrette. Ma mi chiedo e gli chiedo che senso abbia mettere sempre tutti sullo stesso piano, Bush e Obama, Borghezio e Vendola, Berlusconi e i critici di Berlusconi. Come se chiunque entri nel teatrone della politica senza il suo “placet” faccia automaticamente parte dell’Impero delle Multinazionali che affamano i popoli per ingrassare gli squali della finanza. Grillo riconoscerà che i suoi argomenti sono gli stessi che portarono i terroristi rossi a sparare, e a sparare proprio contro quei riformisti che il Sistema cercavano di cambiarlo nell’unico modo possibile: un po’ alla volta, dall’interno. Gli suggerisco di andarsi a leggere il più commovente discorso politico di tutti i tempi (almeno per me). Quello in cui Cavour sostiene che le comunità umane sopravvivono se sanno autoriformarsi di continuo nella libertà, rimanendo insensibili alla seduzione esercitata da due scorciatoie ingannevoli: conservazione e rivoluzione.

Massimo Gramellini

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Non è tutto uguale

  • Imerio

    Credo che la palpabilità delle ugualianze intese tra quelli di quà e quelli di là sia il percepimento di rimborsi ai partiti (ops scusate questi sono stati aboliti dal popolo tramite referendum) rimborsi elettorali (per essere precisi, è una questione di etichetta) aggiungiamoci poi una spruzzatina di ‘assenteismo calcolato’ proprio durante una votazione di fiducia (occasione immancabile dove il governo ricatta i ‘suoi’ con il subdolo messaggio : o me la dai o andiamo tutti a casa però voi avete il mutuo da pagare quindi vi conviene darmela! è quisquiglie varie. Non posso parlare a nome del comico genovese ma credo che se il PD cominciasse a perseguire l’esclusivo interesse del cittadino (per questo modificherei il giuramento di fedeltà alla presa della carica dei ministri dello stato nel versetto “nell’esclusivo interesse della Nazione” con un più chiaro “nell’esclusivo interesse del cittadino”) rinunciando agli immensi rimborsi elettorali, denunciando il conflitto d’interessi, allontanando i pregiudicati ed i mercanti dal fare politica, forse un po di differenza riuscirebbe a trapelare! ma non siete disposti. solo Voi sapete il perchè.