Domenica e lunedì andiamo tutti a votare ai referendum. E votiamo 4 SÌ convinti!

Domenica 12 e lunedì 13 giugno saremo chiamati ad esprimerci su tre questioni cruciali per il futuro del nostro Paese: giustizia, energia nucleare, acqua pubblica. 4 saranno i quesiti referendari (uno sul legittimo impedimento, uno sul nucleare, due sull’acqua) e 4 saranno i SÌ convinti che scriverò sulla scheda elettorale.

4 SÌ nel merito:

un SÌ contro la reintroduzione del nucleare, che è una scelta sbagliata, costosa e insicura. Una conferma di quella norma lascerebbe al governo mani libere, senza limite di numero di centrali e di criteri per l’individuazione dei siti;

un SÌ contro la norma che ha introdotto il “legittimo impedimento”. Per tornare ad affermare che la legge è uguale per tutti. Le norme in vigore già prevedono di ovviare a problemi di impedimento reale ad andare in un tribunale, non c’è nessuna ragione per inventare scorciatoie;

due SÌ contro la privatizzazione forzata dell’acqua e per mantenere in capo agli Enti locali la proprietà delle reti e la piena totalità della programmazione e del controllo sugli investimenti e sul sistema tariffario, perché l’acqua è un bene comune ed un diritto per tutti.

La consultazione referendaria è l’espressione più alta della volontà popolare. È quindi importante difendere uno strumento di partecipazione e di decisione, messo direttamente nelle mani dei cittadini.

Il primo obiettivo che dobbiamo porci è quello di raggiungere il quorum, necessario per rendere validi i referendum.

Io vado a votare domenica mattina. E invito tutti a fare altrettanto! È chiaro che il dato sull’affluenza alle urne dato dai telegiornali all’ora di pranzo sarà determinante per il raggiungimento del quorum: dobbiamo dare un segno immediato di fiducia nella partecipazione. Si possono avere anche idee diverse, ma votare è comunque una scelta importante, specialmente adesso.

È innegabile che questo appuntamento ha anche un forte significato politico, per quanto sta avvenendo nel nostro Paese: dopo il successo del centrosinistra e del Partito Democratico alle recenti elezioni amministrative, il successo dei referendum (che il Governo ha tentato, senza successo, di affossare) sarebbe un altro importante passo verso quel cambiamento che gli Italiani chiedono a gran voce!

Non è un referendum sul Governo, ma non va dimenticato che le 4 leggi sottoposte al giudizio popolare sono state approvate dalla maggioranza di centrodestra su proposta del Governo Bossi-Berlusconi e che le questioni relative all’ambiente, all’energia e alla giustizia rappresentano, sul piano programmatico, uno spartiacque politico e culturale tra noi e loro.

C’è bisogno di un nuovo protagonismo della società. È importante che milioni di persone diano un ulteriore segno che il vento è cambiato, e il PD deve mettersi decisamente al servizio di questa riscossa civica!

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.