“BASTA TAGLI, ORA DIRITTI! SUSSIDIARIETÀ, NON SCARICABARILE!”

Condivido il percorso e le finalità di una mobilitazione contro lo smantellamento del welfare. È importante che il Terzo Settore torni protagonista, e non sia solo chiamato a fare supplenza laddove lo Stato si ritira.
È per questo motivo che ho aderito con convinzione all’appello (che riporto integralmente qui di seguito) alla mobilitazione nazionale Basta tagli, ora diritti! Sussidiarietà, non scaricabarile!” promossa dal Forum nazionale del Terzo Settore e dalla campagna I diritti alzano la voce, organizzata per giovedì 23 giugno a Roma.
Anche il Partito Democratico si sta mobilitando, con l’obiettivo di risvegliare consapevolezza sullo smantellamento del welfare che il Governo sta attuando, facendolo diventare una voce residuale del bilancio del nostro Paese, e sui tagli alle politiche sociali, che stanno portando all’azzeramento dei servizi alla persona.
La nostra visione è quella di un sistema di welfare universalistico, capace di dare risposte omogenee su tutti i territori, mentre si sta attuando un federalismo che riduce la capacità degli Enti locali di garantire la qualità della vita.
Crediamo in un sistema integrato pubblico/privato sociale che deve farsi carico delle fragilità delle persone, senza scaricarle sulle famiglie che rischiano di essere l’unico ammortizzatore sociale.
È per questo motivo che è stato predisposto un ORDINE DEL GIORNO (che è possibile scaricare cliccando qui), che chiediamo di presentare in tutti i Consigli provinciali e comunali.
Damiano Zoffoli

Basta tagli, ora diritti! Sussidiarietà, non scaricabarile!

Il nostro Paese sta attraversando una grave crisi, che ha portato via posti di lavoro e risparmi, in molti casi spingendo persone e famiglie verso la povertà e l’insicurezza.

Nonostante le difficoltà molti hanno continuato a lavorare per mantenere la coesione sociale e per garantire che i problemi comuni non producessero lacerazioni sociali né condannassero molte persone ad essere marginalizzate. A fronte di questo il Governo ha continuato ad operare tagli massicci alla spesa, riducendo e talvolta azzerando le risorse per il sociale.

Nel 2008 i fondi nazionali per le politiche sociali erano oltre i 2,5 miliardi, nell’anno 2011 ammontano a soli 538 milioni di euro: un taglio dell’80%. Ciò significa riduzioni e chiusure di servizi, diritti negati ai cittadini, rischio di disoccupazione per molti lavoratori e per tante persone svantaggiate, e problemi che tornano a scaricarsi per intero sulle famiglie.

Ora è venuto il momento di dire basta. Sosteniamo la centralità della persona e crediamo nella possibilità di dare voce a ciascuno dando opportunità e garantendo diritti.

Affrontare la crisi solo “tenendo a posto i conti”, senza affrontare riforme e investire in ciò che garantisce un autentico sviluppo è suicida e condanna l’Italia al declino. Il Terzo Settore non chiede per sé, ma per tutti i cittadini, a partire da quelli più in difficoltà esclusi dalla comunità oppure a rischio di esclusione. E, prima di chiedere, offre il suo contributo di azione volontaria, di professionalità sociale, di innovazione a fianco delle persone.

Le politiche sociali sono un investimento nel futuro del Paese, tanto più preziose quanto più esso è in difficoltà. Eppure l’Italia investe in esse meno di quanto si investa nel resto d’Europa. Anzi le considera un costo e le taglia senza criterio.

La nostra capacità di tirare la cinghia e di trovare soluzioni dignitose per assicurare diritti alle persone si sta esaurendo: senza un cambiamento si avvia la liquidazione del welfare italiano e si cancellano i tanti sforzi fatti per costruire sussidiarietà.

Governo, Regioni ed Enti locali debbono fare ciascuno la propria parte e decidere quale futuro vogliono per il nostro Paese. Noi abbiamo fatto e faremo la nostra parte, ma non vogliamo essere presi in giro.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to “BASTA TAGLI, ORA DIRITTI! SUSSIDIARIETÀ, NON SCARICABARILE!”

  • Paolo Bergonzoni

    Condivido dalla prima all’ultima parola, ed in particolare il fatto che il federalismo, così come portato avanti finora, riduce anzichè aumentare la capacità delle amministrazioni locali di rispondere alle esigenze dei cittadini, e delle loro organizzazioni