Ora che il Governo ha fatto marcia indietro sulle spiagge è necessario riaprire subito il confronto con le Regioni e le organizzazioni del settore

Grazie al Partito democratico, che in Commissione Bilancio e Finanze della Camera dei Deputati ha presentato gli emendamenti soppressivi, sono stati ritirati i primi tre commi dell’ art. 3 del Decreto Sviluppo.

La normativa, prevista nel provvedimento governativo relativa alle concessioni demaniali degli stabilimenti balneari, non accontentava nessuno: né gli imprenditori, che la ritenevano nefasta per il turismo in quanto non garantiva quella certezza necessaria per riqualificare l’arenile, e che rischiavano di venir scalzati dai grandi speculatori del settore, né cittadini e turisti, che venivano di fatto privati del diritto di fruire di un bene pubblico per eccellenza.

La norma era dannosa perché ogni stabilimento sarebbe stato oggetto di un’asta, con il risultato che anche chi aveva costruito con fatica e passione un’impresa avrebbe rischiato di vedersela soffiata dal primo arrivato.

Ora che la situazione è azzerata occorre riaprire immediatamente il confronto tra Governo, Regioni ed organizzazioni del settore turistico-balneare per definire un quadro legislativo che, oltre a concordare con l’UE una deroga alla Bolkenstein sulla base della specificità delle nostre spiagge, tenda a salvaguardare gli investimenti degli imprenditori e basi la durata delle concessioni in proporzione all’entità degli investimenti stessi e della professionalità degli operatori turistici.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.