Regione Romagna. Referendum, perché no?

Il Consigliere regionale Damiano Zoffoli non crede nella divisione territoriale fra Emilia e Romagna, ma è favorevole alla consultazione popolare

Che la Romagna sia un’unica realtà, geografica, economica e sociale, è un dato di fatto. La domanda che tanti romagnoli si pongono, da diverso tempo, è se questa realtà debba diventare una Regione autonoma oppure se, per il suo avvenire, sia meglio che resti unita all’Emilia nella Regione attuale.

Il referendum agognato
Una risposta potrebbero darla i cittadini romagnoli con un referendum, così come previsto dalla Costituzione. Il ricorso alle urne è stato però osteggiato negli anni scorsi a più riprese, tanto dalla Regione quanto dalle amministrazioni locali.

La Costituzione prevede che per la formazione di nuove Regioni (minimo un milione di abitanti) si proceda con Legge costituzionale a seguito di un referendum, richiesto da Consigli comunali che rappresentino almeno un terzo delle popolazioni interessate. E su questo fronte i fautori del referendum, salvo poche eccezioni, hanno trovato fino ad oggi bocciature, orecchie da mercante o addirittura le porte dei municipi sbattute in faccia.

Tra i più granitici nel non voler aprire spiragli all’ipotesi di una Romagna autonoma stanno i partiti della sinistra e del centro sinistra, incluso quello di maggioranza relativa: il Partito Democratico. All’interno del PD, però, c’è chi la pensa diversamente.

È il caso del Consigliere regionale Damiano Zoffoli che, pur non ritenendo vantaggiosa una secessione della Romagna dall’Emilia, si dice favorevole al referendum popolare: “Sono sempre stato a favore di una consultazione, ai sensi dell’articolo 132 della Costituzione, che lasci l’ultima parola ai cittadini romagnoli”.

Se Zoffoli dice un sì convinto a questo esercizio di democrazia diretta, resta però perplesso sull’ipotesi di dividere in due l’attuale Regione: “Non è vero che la Romagna sia discriminata – spiega il Consigliere regionale – e a dirlo sono le statistiche sulla distribuzione del reddito pro capite e di produzione, numeri che dimostrano un trend non penalizzante per questi territori. Ad ogni modo, la Regione non può sedersi sugli allori. Pur essendo tra le prime 10 regioni in Europa, a livello di ricchezza prodotta, è ormai finito il tempo della Regione vetrina, modello per l’Italia intera. Tanto l’Emilia quanto la Romagna si trovano di fronte a fatti nuovi. Sfide alle quali solo una grande Regione può far fronte in modo efficace”.

Le grandi sfide
Tra queste Zoffoli cita l’invecchiamento della popolazione e l’aumento della natalità: “In Emilia-Romagna ci sono 300mila ultra 80enni e 200mila bambini fino a 4 anni, uno su cinque figlio d’immigrati. Il trend della natalità è in ripresa dopo decenni: al di là dei vecchi stereotipi, oggi siamo una delle Regioni italiane dove si fanno più figli. Serve dunque una profonda riforma dello stato sociale in senso comunitario, riscoprendo il gusto del vivere insieme a scapito dell’individualismo. Ci sono poi anche grandi sfide infrastrutturali. Ma io mi chiedo: la E55 nuova Romea, per esempio, è più facile ottenerla con la Romagna o con l’Emilia-Romagna? La pongo come domanda non retorica, come spunto di riflessione”.

Discriminati?
“Ai tanti che lamentano uno sbilanciamento di risorse in favore dell’Emilia – continua Zoffoli – vorrei ricordare che in Assemblea Legislativa accade spesso lo stesso a parti invertite. I consiglieri di Modena, per esempio, lamentano eccessivi stanziamenti in favore della Romagna. Anche a chi parla di Bologna-centrismo mi viene da dire che ragiona con schemi del passato. Bologna è in una crisi spaventosa e non è certo da invidiare. Stando così le cose, pensare di risolvere i problemi romagnoli con una nuova Regione mi lascia perplesso. Le risorse assegnate dallo Stato andrebbero comunque in proporzione agli abitanti e, per di più, sarebbero legate alle dichiarazioni dei redditi. Dichiarazioni che, specie in Riviera, sono stranamente basse. Chi ha già battuto questa strada poi, come il Molise, non ne ha tratto grande giovamento e, con tutto il rispetto per i molisani, penso che in molti di loro oggi tornerebbero indietro. In Molise i costi di funzionamento della Regione, una delle più povere in Italia, sono pari a 328 euro per abitante. In Emilia-Romagna siamo a 128 euro per abitante. Per questo non mi convince la proposta di creare una Regione Romagna. Certo, se fosse possibile farla a Statuto speciale questo cambierebbe del tutto le cose… ma è chiaramente impossibile”.

Le proposte
Per una Romagna più forte c’è bisogno di fare sistema tra territori. Ad oggi le Province romagnole, in tanti settori, non sono né carne né pesce. Per questo bisogna spingere su politiche di area vasta, in diversi campi, avviando collaborazioni più strette tra le Province. Nella sanità, dove la collaborazione è già in atto, bisognerà arrivare ad un’unica azienda sanitaria per la Romagna. Questo per avere ben presenti gli obiettivi di fondo ed evitare tagli scoordinati, come quelli operati sugli ospedali locali. Il tutto, all’interno di una Regione Emilia-Romagna da ripensare alla luce della nuove sfide”.

Michelangelo Bucci

CORRIERE CESENATE – giovedì 16 giuno 2011.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Regione Romagna. Referendum, perché no?

  • Io semplicemente mi chiedo, una eventuale divisione della romagna, con tanto di retorica di purezza delle origini e di beato senso di identità ritrovato, quale problema specifico delle nostre genti risolverebbe ?

    Se un atto non lo si fa per risolvere un problema che ci preoccupa o diminuisce la nostra qualità di vita, cosa lo si fa a fare ?

    Nessuno, nemmeno fra i romagnoli più intransigenti e orgogliosi della loro identità, ha saputo darmi una risposta, quindi secondo me il problema non si pone.

    Per quanto si possa pensare di dividere un territorio, ci saranno sempre discriminazioni e sperequazioni fra territori, esistono fra diversi condomini dello stesso condominio, non credo li si possa risolvere semplicemente spezzando le case.

    Paolo Marani

  • Paolo Zammarchi

    Parlare di Regione Romagna non dev’essere un tabù: dunque parliamone, senza chiusure pregiudiziali. Nel merito, penso tuttavia che l’istituzione della Regione Romagna, specie in un momento di ristrettezze economiche come quello attuale, non sia realistica in quanto comporterebbe sicuramente un aumento della spesa pubblica e potrebbe creare problemi nell’assetto territoriale delle province (ad esempio la collocazione del territorio imolese) spingendo magari a richiederne altre.
    Paolo Zammarchi