Il Governo presenti al più presto un Piano Energetico Nazionale

Presentata una risoluzione all’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna

Un Piano Energetico Nazionale, in linea con le strategie europee e che delinei politiche coerenti e incentivanti per l’efficienza energetica e le fonti energetiche rinnovabili. È quello che chiede una risoluzione presentata da alcuni Consiglieri (prima firmataria Palma Costi) del Gruppo assembleare Partito Democratico.

“L’Europa – si legge nel testo della risoluzione – chiede all’Italia di rispettare gli impegni di riduzione degli inquinanti, di sviluppo delle fonti rinnovabili e di autosufficienza energetica che il nostro Paese ha sottoscritto. Il Governo italiano ha invece pensato di procedere con un piano per il nucleare, insostenibile e reso ancor più grave dal modo approssimativo, superficiale e propagandistico con cui ha approcciato il tema, salvo poi ritirarlo momentamente per cercare di evitare il referendum”.

La nostra Regione si colloca, invece, già integralmente nella strategia europea per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e già oggi possiede le professionalità , i ricercatori e i tecnici, le imprese e i lavoratori per vincere la “sfida della green economy”.

Con il primo (2007-2010) Piano Energetico Regionale l’Emilia-Romagna ha raggiunto, e in alcuni settori superato, gli obiettivi che ci si era posti; ed ora, con il secondo (2011-2013) Piano triennale di attuazione, si è dotata di uno strumento strategico fondamentale per seguire e governare il decisivo intreccio fra energia, economia e ambiente.

La risoluzione, pertanto, chiede che il Governo presenti al più presto un Piano Energertico Nazionale che assuma finalmente, e fino in fondo, gli indirizzi comunitari in materia di energia e clima e che delinei politiche organiche, coerenti ed incentivanti per l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili.

È possibile scaricare il testo della RISOLUZIONE cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.