Riqualificazione urbana, un bando per piccole opere nelle nostre città

La Regione ha approvato il bando “Concorsi di architettura per la riqualificazione urbana” per ideare interventi in grado di migliorare la qualità dei Comuni dell’Emilia-Romagna.

“Il bando, – dichiara il Consigliere regionale Damiano Zoffoli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità della Regione – rivolto ai Comuni emiliano romagnoli, mette a disposizione risorse finalizzate a sostenere concorsi di progettazione o di idee che si prefiggono obiettivi di qualità urbana. Poggiando sulla dimensione della creatività, abbiamo voluto rispondere alla richiesta di aumentare la qualità dell’abitare delle e nelle città. È un modo per tentare di dare forma a progetti, di tutte le scale, che possano rendere sempre più belli e fruibili i centri urbani. Un’opportunità che consentirà di realizzare anche piccole opere, non per questo meno significative, che spesso sono trascurate nei grandi interventi urbanistici delle nostre città”.

Che cosa prevede il bando

Per accedere ai contributi messi a disposizione dalla Regione, i Comuni dovranno attivare concorsi di architettura, supportati dagli strumenti locali di pianificazione e finalizzati a selezionare risposte progettuali di qualità.

I Comuni interessati, entro il 30 settembre, dovranno presentare le proposte (una per ogni Comune) accompagnate da uno studio di fattibilità. La selezione verrà operata da un apposito nucleo regionale di valutazione sulla base dei criteri definiti nel bando, che fanno riferimento tra l’altro a parametri di qualità architettonica, urbana, paesaggistica, ambientale e sociale.

Alla proclamazione dei vincitori (in ottobre) seguirà la sottoscrizione, entro la fine del 2011, di un Protocollo di intesa finalizzato a disciplinare i reciproci impegni di Comune e Regione in ordine alla redazione dei bandi, all’attuazione dei concorsi, alla erogazione dei contributi e alla fattibilità dei progetti.

Il contributo va da un minimo di 30mila ad un massimo di 70mila euro, in funzione della dimensione demografica del Comune.

Le tematiche proposte dal bando, che riguardano le diverse scale di intervento, comprendono: la ricomposizione della forma urbana per favorire la rinascita delle aree degradate e il riuso di aree dimesse, anche tramite l’eventuale bonifica e rinaturalizzazione dei siti, con l’obiettivo di limitare il consumo di suolo agricolo; la rigenerazione degli ambiti urbani consolidati attraverso progetti urbani che affrontino il rapporto tra spazio pubblico ed edificato, ed introducano un miglioramento dell’efficienza energetica e della sostenibilità ambientale; la ridefinizione dei limiti della struttura urbana mediante la ricucitura del rapporto con le aree periurbane, anche prevedendo collegamenti pedonali e ciclabili con gli ambiti di interesse ambientale e paesaggistico; il ridisegno degli spazi liberi destinati alla funzione pubblica, anche attraverso piani di riqualificazione delle pavimentazioni dei centri storici e del verde urbano.

È possibile scaricare il testo del BANDO cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

1 comment to Riqualificazione urbana, un bando per piccole opere nelle nostre città