Approvata la nuova legge regionale su istruzione e formazione professionale

Un nuovo sistema formativo contro 10.000 abbandoni scolastici e più opportunità di lavoro per i giovani

L’Assemblea Legislativa ha approvato, questa mattina, la nuova Legge regionale sulla “disciplina del sistema regionale dell’istruzione e formazione professionale”.

“Un progetto e una riforma assolutamente necessari – spiega il Consigliere regionale Damiano Zoffoli – per offrire, a tutti i nostri giovani, nuove possibilità di accesso al mondo del lavoro, con qualifiche e professionalità alte, ma anche con diffuse competenze di base, oggi assolutamente necessarie”.

Tutto questo anche alla luce dei dati Ocse-Pisa sull’abbandono scolastico e la disoccupazione giovanile che parlano di una realtà difficile anche in Emilia Romagna. “Su circa 40mila giovani che ogni anno si iscrivono ad una scuola superiore nella nostra Regione – sottolinea il Consigliere regionale Beppe Pagani, relatore della Legge – sono solo 30mila coloro che arrivano al diploma. Il 25% dei giovani, dunque, non si diploma, e questa percentuale raggiunge il 40% (5.000 giovani) negli istituti professionali. Dei 10.000 giovani che non conseguono un diploma, sono circa 3.500 quelli che arrivano comunque a una qualifica di Istruzione Professionale o di Formazione Professionale, mentre tutti gli altri (e sono 6.500) accedono al mercato del lavoro in modo dequalificato e con la sola terza media. È allora evidente che non possiamo più permettere che siano espulsi dal sistema quasi 7.000 ragazze e ragazzi, privi di un titolo spendibile e con una licenza media inferiore che, come dimostrano i dati, in questi anni di recessione li ha visti pagare più duramente di tutti gli altri le crisi aziendali”.

“Il principale obiettivo della Legge – prosegue Zoffoli – è dunque quello di offrire l’opportunità, a tutti coloro che lo vogliono, di acquisire una qualifica professionale triennale dopo il completamento delle scuole medie, con la possibilità di proseguire con un quarto anno che porta al diploma professionale e un quinto anno per acquisire il diploma di maturità, accedere all’università e all’alta formazione. La nuova offerta prevede anche specifiche modalità per superare situazioni di difficoltà a continuare gli studi e per contrastare il fenomeno dell’abbandono scolastico, come ad esempio percorsi personalizzati”.

“Il testo approvato – conclude Zoffoli – definisce così un sistema di istruzione e formazione professionale regionale come sistema integrato, fondato sulla co-progettazione dell’offerta formativa, coinvolgendo (con pari dignità) gli enti di formazione professionale accreditati e gli istituti professionali che hanno scelto il regime di sussidiarietà. Un sistema su cui la nostra Regione investe, ogni anno, 55 milioni di euro, per valorizzare la cultura del lavoro e assicurare il successo scolastico di tutti i giovani, in particolare nel delicato momento di passaggio dalla scuola media a quella superiore”.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.