Tutto pronto per la terza festa del dialetto romagnolo

As avdem i tré ad loi de domelaeong sota la tora ad Arversan!

Si rinnova, per il terzo anno consecutivo, il legame tra il dialetto romagnolo e il borgo di Roversano, incantevole frazione sulle prime colline di Cesena, tra Molino Cento e San Carlo.

L’associazione culturale “Te ad chi sit e’ fiol?”, nata per promuovere e valorizzare il dialetto, ha organizzato per domenica 3 luglio la festa-spettacolo dallo stesso nome. Una domanda, quel “di chi sei figlio?” pronunciato in dialetto, che ci spinge a riflettere sulle nostre radici culturali.

L’evento, nato nel 2009 da un’idea del Consigliere regionale Damiano Zoffoli, ha visto alternarsi, nelle passate edizioni, centinaia di artisti, poeti e musicisti dialettali.

Su tre palchi, allestiti in diverse zone del borgo, si terranno spettacoli dalle ore 16:30 fino a mezzanotte. Tutti rigorosamente in dialetto, nelle tante sfumature che il romagnolo prende da Imola fino al riminese.

“La novità di quest’anno – spiega Leonardo Belli, Presidente dell’Associazione – è la presenza dell’attore e regista Franco Mescolini che metterà in scena, a partire dalle ore 20, il suo spettacolo Shakespeare in dialèt”.

Un palco sarà nel giardino pubblico del paese, subito dopo l’arco, uno dietro la chiesa e uno in fondo alla frazione. In quest’ultimo, alle ore 16:30, prenderà il via la manifestazione: “Nel luogo più fresco del paese – continua Belli – al riparo dal calore pomeridiano, si alterneranno gli scrittori selezionati al premio Sauro Spada di Montenovo di Montiano. Alle ore 19:30, poi, partiranno gli altri due palchi, oltre alla zona ristoro, facendo entrare nel vivo la festa”.

Altra novità la presenza di Marcello Mazzola detto Macola, importante interprete di musica popolare, tanto da ottenere riconoscimenti in quel di San Remo.

Tra gli ospiti confermati spicca il gruppo di rock romagnolo Il Cantiere, il chitarrista cantante Emilio Del Vecchio e i poeti Tonina Facciani, Lorenzo Scarponi, Antonio Gasperini.

Tutti potranno salire sul palco ed esibirsi, previa prenotazione (nei giorni precedenti o, sul posto, entro le ore 17).

“I romagnoli continuano a mostrare un grande interesse per la loro lingua madre. – commenta Damiano Zoffoli – Una riscoperta delle nostre radici che, a differenza di quanto crede qualcuno, non è affatto segno di chiusura, ma ci aiuta a metterci in relazione con gli altri”.

Data la scarsità di parcheggio a Roversano, è stato organizzato un servizio gratuito di navette con partenza dal Trebbo, area che si trova un chilometro prima del borgo, al bivio con la strada per San Carlo.

È possibile scaricare la bozza di PROGRAMMA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:

2 comments to Tutto pronto per la terza festa del dialetto romagnolo

  • Ne approfitto per ringraziare sentitamente gli organizzatori di “Te Ad Chi Sit e Fiol?”, grande festa della dialettalità romagnola a Roversano.

    Ho assistito allo STUPENDO spettacolo di Franco Mescolini “Shakespeare in dialet”… una cosa da standing ovation e che valeva da solo tutta l’allegria della serata!

    Paolo Marani

  • Fringui

    Condivido: bellissima festa. Ma devo fare un appunto. Molte delle persone che si sono esibite sul palco, alla domanda “Te ad chi sit e fiol” hanno ricordato solo il padre ….. E’ vero che quella romagnola è una cultura intrisa di maschilismo, ma non dimentichiamo che sono le donne a dare la vita.