Nuove linee guida per le rinnovabili in Emilia-Romagna

Dopo il fotovoltaico, normato nei mesi scorsi, la Regione volge l’attenzione sull’eolico, l’idroelettrico, le biomasse e i biogas. Se ne è discusso oggi in Commissione “Territorio Ambiente Mobilità”

Wood County Wind Power

Le nuove linee guida per l’individuazione di aree dove installare impianti di produzione d’energia elettrica tramite fonti rinnovabili (eolico, da biogas, da biomasse, idroelettrica) sono state discusse oggi nella commissione Territorio Ambiente e Mobilità dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna.

E’ stato l’assessore Alfredo Peri, accompagnato dall’assessore Sabrina Freda, a illustrare ai consiglieri la delibera di Giunta sulle nuove linee guida, che seguono quelle già approvate nei mesi scorsi per il fotovoltaico. Il provvedimento sarà votato in Aula nell’ultima seduta di luglio, contestualmente al secondo Piano triennale 2011-13 di attuazione del PER (Piano Energetico Regionale).

Con queste linee guida la Regione vuole prima di tutto definire metodologie sicure per la localizzazione e le caratteristiche degli impianti (sia in fase di costruzione che di successiva conduzione).

In pratica, ha detto Peri, si tratta di “delimitare il campo di gioco”, consapevoli che gli atti della Regione si inseriscono all’interno di provvedimenti di carattere nazionale già in corso, e di diritti acquisiti; in particolare, la Legge 239/2004, il Decreto legislativo 28/2011 e il Decreto del Ministro per lo Sviluppo Economico del 10 settembre 2010.

Sono esclusi dai criteri di localizzazione i procedimenti già conclusi alla data di pubblicazione sul BUR e quelli “formalmente avviati in data antecedente per effetto della presentazione dell’istanza di autorizzazione unica”. Sono altresì esclusi gli impianti nelle Aree produttive ecologicamente attrezzate già ammessi a finanziamento pubblico, nonché gli impianti degli Enti Locali già finanziati con delibera di Giunta.

Esclusi dai criteri di localizzazione ma con l’obbligo del rispetto delle prescrizioni tecniche i procedimenti per i quali, alla data di pubblicazione sul BUR sia stata presentata domanda di accesso a finanziamento pubblico, o che siano previsti nei progetti di sviluppo o riconversione del settore bieticolo-saccarifero. La delibera prevede, tuttavia, che si valuti l’adeguamento delle prescrizioni in sede di rinnovo delle autorizzazioni richieste dalla normativa vigente.

La Regione intende avvalersi della facoltà di indicare aree e siti non idonei alla installazione di specifiche tipologie di impianti. Per esempio, “all’interno di coni visuali la cui immagine è storicizzata e identifica i luoghi”, oppure, in prossimità di parchi archeologici e in aree contermini ad emergenze di interesse culturale, storico e religioso; aree naturali protette; zone umide di importanza internazionale; aree incluse nella Rete Natura 2000; le Important Birds Areas (IBA); aree che svolgono funzioni determinanti per la conservazione della biodiversità; aree agricole interessate da produzioni di qualità (biologiche, D.O.P., I.G.P., S.T.G., D.O.C., D.O.C.G.); infine, fra i siti non idonei, la delibera cita le aree caratterizzate da situazioni di dissesto o rischio idrogeologico.

“Per il nostro futuro bisogna investire in modo convinto nelle energie rinnovabili – ha affermato il presidente della commissione Damiano Zoffoli (Pd) – ma l’impegno su questo fronte non deve avvenire a scapito del rispetto dell’ambiente e del paesaggio. Ed è proprio quello che queste linee guida propongono”.

Salvaguardia territoriale ed efficienza energetica sono le priorità dichiarate, salvo eccezioni legate all’autoconsumo.

Per gli impianti da energia eolica, si intendono favorire quelli che risultino di elevata efficienza in termini di alta produttività specifica, definita come numero di ore di funzionamento alla piena potenza nominale.

Per gli impianti da biogas e da biomasse, si fissano prescrizioni finalizzate alla tutela della qualità dell’aria, ad evitare il cumulo degli impianti e la dispersione insediativa degli stessi.

Per gli impianti di produzione di energia idroelettrica, si intendono tutelare i caratteri di naturalità e paesaggistici, e la funzionalità idraulica delle zone interessate, prevedendo impianti interrati.

Chi si candida a realizzare questi impianti dovrà garantire l’uso delle migliori tecnologie disponibili. E il funzionamento di questi impianti deve entrare in una contabilità per cui non aumenti – anzi, tendenzialmente diminuisca – l’inquinamento atmosferico, evidenziando il risparmio di combustibili fossili.

È possibile scaricare la DELIBERA di GIUNTA sulle LINEE GUIDA cliccando qui.

Se ti è piaciuto questo articolo, puoi condividerlo sui Social Network o via e-mail:
Trattandosi di un vecchio articolo non è più possibile commentare.